Sulla strada

Code e pannelli pericolanti, il primo giorno di scuola per il Genova San Giorgio

In tarda mattinata i limitatori di sagoma che penzolavano agli imbocchi delle gallerie di Coronata sono stati rimossi, ma non sono stati l'unico disagio di viabilità

Generica

Genova. In tarda mattinata il personale di Autostrade per l’Italia è stato impegnato nel primo intervento, a neppure 12 ore dall’apertura al traffico, sul nuovo ponte Genova San Giorgio. O meglio, sulle volte all’ingresso della galleria Coronata, in entrambe le direzioni, per rimuovere i pannelli pericolanti dei limitatori di sagoma.

Alcuni di questi, infatti, nella notte, erano stati “toccati” da qualche mezzo pesante e si erano parzialmente staccati rischiando, per ore, di cadere su qualche altro veicolo. Aspi è intervenuta in mattinata, ma già da prima dell’alba si sono susseguite sia le segnalazioni alla polizia stradale sia le condivisioni del problema sui social network

Quello dei limitatori di sagoma pericolanti non è stato l’unico problema per una tratta autostradale che torna alla normalità. E normalità, in Liguria, significa anche “code”.

Soprattutto nella prima parte della mattinata si sono formati lunghi rallentamenti in entrambe le direzioni. Da una parte i restringimenti di corsia per permettere lo smantellamento dei limitatori di sagoma, dall’altra l’imbuto all’altezza di Genova Ovest e del casello di Aeroporto, dove erano in corso dei lavori di asfaltatura. Ma, secondo la polizia stradale, ad contribuire alle code anche il cattivo comportamento di automobilisti che guidavano scattando foto con il telefono cellulare.

(foto: consorzio PerGenova, webcam sul cantiere)

leggi anche
Generica
Ops
Nuovo ponte, limitatori di sagoma pericolanti all’imbocco della galleria di Coronata
Riapertura ponte Genova San Giorgio
Ora si può
Nuovo ponte, finalmente il simbolo di divieto di transito sparisce dalle mappe
Riapertura ponte Genova San Giorgio
On the road
Il nuovo ponte Genova San Giorgio è aperto al traffico: il viaggio è iniziato