La proposta

“Don Gallo sia beatificato”, la richiesta a papa Francesco di Moni Ovadia

"Sarebbe un gesto rivoluzionario, e questo papa è capace di queste intuizioni"

Genova. “Non ho mai conosciuto nessuno che abbia incarnato il magistero cristiano dell’amore verso il prossimo come don Adrea Gallo, la sua beatificazione sarebbe un gesto immenso e deflagrante”.

Con queste parole Moni Ovadia ha rivelato di aver scritto a papa Francesco una lettera in cui propone la beatificazione di don Gallo, in virtù della sua attività pastorale tra le persone “tra gli ultimi, rispetto al gota di santi un po’ retorici”. L’annuncio sul palco del Festival Suq, giunto alla sua 22 edizione, che si è aperta venerdì scorso.

Spero di vederlo di persona – ha continuato Ovadia – e mi piacerebbe sostenere la grandezza del Gallo, sarebbe una rivoluzione fantastica, e questo papa ha delle intuizioni eccezionali, come il riconoscimento dello stato palestinese ha un valore storico immenso”.

leggi anche
Generica
Con gli ultimi
San Benedetto, la comunità di Don Gallo compie 50 anni: “Pensiamo a chi non ha un lavoro”

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.