Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Creuza invasa dalla fogna: la denuncia dei residenti. E intanto crescono i pomodori fotogallery

Il guasto scoperchia un labirinto burocratico: è privata ma con passaggio pubblico. E i proprietari sono "ignoti"

Genova. Un fiume di melma e liquami che invade il passaggio, rendendo impossibile la vita ai residenti della zona, costretti a convivere con una fogna a cielo aperto, tra miasmi e mancanza di igiene. E nel frattempo è spuntata una piantagione di pomodori.

Fossato San Nicolò fogna

Stiamo parlando di via Fossato San Nicolò, una piccolo creuza storica che collega Corso Firenze con la Madonnetta, a Castelletto, attraversata quotidianamente da decine di residenti della zona, ma che da mesi è alle prese con un guasto alla rete della acque nere che pare, ad oggi irrisolvibile.

Da qui è scattata la denuncia formale dei cittadini, che hanno depositato presso i carabinieri di villa Gruber un corposo dossier, con tanto di foto e cronologia della richieste di intervento: da mesi, infatti, attivando anche gli amministratori dei condomini a monte della perdita, si è cercato di risalire all’origine del guasto, ancora senza una risposta definitiva. Situazione quindi in stallo, anche perchè la via è privata, stando al catasto, ma con obbligo di passaggio pubblico e manutenzione, cosa che significa che la possibilità intervento da parte del pubblico è limitata.

La zona, inoltre, è abbandonata al degrado: oltre ai liquami putridi, la vegetazione è cresciuta a dismisura tra le transenne, e sono nati addirittura decine di piante di pomodoro, i cui semi, probabilmente, sono stati trasportati dalle acque nere fino alla mattonata, dove hanno potuto mettere radici. Ma nel frattempo i danni ai residenti iniziano a diventare corposi: la perdita ha raggiunto un giardino sovrastante, creando un lago di melma che ha trovato una nuova strada per percolare nella strada sottostante attraverso il muraglione, mentre non si contano i disagi dei residenti che tutti i giorni devo convivere con una fogna maleodorante, proprio un una periodo in cui l’igiene dovrebbe essere la priorità per tutti.

Un situazione emblematica per molte parti della nostra città, la cui anima antica racchiusa da strade, vie e creuze, spesso emerge nella sua complessità fatta di proprietà dimenticate e patrimoni pubblici in balia dell’incuria. E a pagarne lo scotto son sempre i cittadini.