Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, Toti: “Torneranno 2mila turisti al giorno, nessun allarme se saliranno i contagi”

Il presidente della Liguria: "Tenere alta la guardia, ma i numeri non sono quelli che abbiamo visto mesi fa"

Più informazioni su

Genova. “Bisogna tenere alta la guardia, ma non fare allarmismo. Siamo ben lontani da una ripresa del Covid nei numeri che abbiamo conosciuto in questo Paese. Questo non vuol dire abbassare la guardia e non rispettare le regole, ma che siamo stati capaci di mettere in campo un sistema assai sofisticato”.

Così il presidente Giovanni Toti, durante una diretta Facebook, rassicura i liguri dopo un’altra giornata che vede gonfiarsi il numero dei nuovi contagi nella regione, legati soprattutto a una grigliata nel savonese e ai rientri dalle vacanze, fenomeno che riguarda tutta Italia tanto che il governo è intervenuto ieri sera con un’ordinanza per imporre il tampone a tutte le persone che tornano dai Paesi considerati ad alto rischio.

Numeri che potrebbero crescere ulteriormente nei prossimi giorni, come pronostica lo stesso Toti: “Si stima che torneranno 2mila persone al giorno con picchi sabato e domenica. Se crescono i contagiati è perché le persone stanno viaggiando tantissimo e per fortuna il turismo sta ripartendo. Ma siamo razionali, siamo seri, nei nostri ospedali non è aumentata la popolazione”. Oggi sono 22 i ricoverati mentre negli scorsi mesi, ricorda il governatore, “siamo arrivati ad averne 1.500 con quasi 200 terapie intensive”.

No alle polemiche, no ai gufi e agli uccelli del malaugurio che cavalcano il terrore per qualche vantaggio personale, a loro tifare contro piace sempre”, attacca il governatore.

Toti conferma infine la volontà di non emanare ordinanze con divieti per locali e discoteche, a differenza di quanto deciso da altre regioni. “Ritengo che le persone siano sufficientemente intelligenti e capaci per sapere che se vanno a correre o fanno una passeggiata a distanza non c’è bisogno di usare mascherina all’esterno, ma se vanno al bar per l’aperitivo o in un locale a sentire musica o in un altro posto affollato è bene indossarla ed evitare gli assembramenti. Non si tratta di fare ordinanza, si tratta di buonsenso”.