Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, boom di contagi in Liguria: 26 nuovi positivi, la metà per una grigliata

Altri due sono turisti di ritorno dalle vacanze, Toti: "Nessun allarme, il nostro sistema sanitario è in grado di rispondere"

Più informazioni su

Genova. Sono 26 i nuovi positivi al coronavirus in Liguria rispetto a ieri. Lo ha annunciato il presidente ligure Giovanni Toti anticipando il bollettino quotidiano durante una diretta Facebook.

Secondo quanto ha riferito il governatore, circa la metà dei contagiati è legato a un cluster localizzato nel savonese, una grigliata alla quale hanno partecipato “molti dipendenti di strutture socio-sanitarie di nazionalità ecuadoriana, dove c’era un positivo che ha contagiato molte persone”.

Tra gli altri nuovi positivi, due sono nello spezzino e sono tornati da una vacanza a Corfù. Nel dettaglio:

– Asl 1 Imperiese: 1 positivo da attività di screening
– Asl 2 Savonese: 15 positivi, dieci in strutture sociosanitarie (sei dei quali compresi nel cluster della grigliata di Quiliano), tre da attività di screening e uno da contatto di caso confermato
– Asl 3 Genovese: 6 positivi, quattro in strutture sociosanitarie, due da attività di screening
– Asl 5 Spezzino: 4 positivi, due da contatti di caso confermato (i turisti in rientro da Corfù) e due stranieri

Crescono di 15 unità i positivi totali in Liguria, che al momento sono 1.171 di cui 763 in provincia di Genova. Le persone in sorveglianza attiva sono 793. Nelle ultime ventiquattr’ore sono stati eseguiti 1.775 tamponi per un totale di 205.100.

L’indice di contagiosità R con zero è “lievemente sceso ed è intorno a 1 da molte settimane, quindi non c’è alcun allarme”, ha detto Toti. Gli ospedalizzati sono 2 meno di ieri, per un totale di 19 in tutta la Liguria, di cui 2 persone in terapia intensiva.

“L’aumento dei contagi – ha continuato il presidente – non si sta ripercuotendo sul nostro sistema sanitario che è perfettamente in grado di rispondere. Non c’è alcuna pressione su pronto soccorso, malattie infettive e terapie intensive. Bisogna rispettare le regole perché tutto questo continui così e questo dipende solamente da noi”.