Quantcast
Novità

A Genova nasce “caruggi.net”, il primo sito per fare la spesa online nei negozi del centro storico

Dall'idea di un commerciante di via Prè una piattaforma di commercio online che vuole fare concorrenza alle catene dei supermercati

Genova. Dalla focaccia al pesce fresco, dalle verdure ai salumi, dal vino alla birra artigianale, dalla pasta alle conserve. Tutto in un solo posto, anche se virtuale. “Come logica non sarà proprio un supermercato, ma di certo sarà un modo diverso di fare la spesa“, spiega Gino Repetto, fondatore di caruggi.net. E’ questo il nome del nuovo sito che dal 1° settembre permetterà, con un semplice clic o un tocco sul proprio smartphone, di comprare nelle migliori botteghe di generi alimentari nel centro storico di Genova, con consegna a domicilio in tutta la città attraverso mezzi ecologici come bici e monopattini elettrici.

“Volevamo fare qualcosa di diverso dalle solite piattaforme di e-commerce – racconta Repetto che gestisce un’occhialeria sul retro di Palazzo Reale ed è già attivo online – e così durante il lockdown abbiamo pensato a una formula che potesse aiutare i negozi di vicinato come alternativa alle catene della grande distribuzione“.

L’intuizione si è trasformata in un portale che all’avvio raduna 8 attività del centro storico genovese (qui la mappa): la pescheria e la salumeria di via Prè, l’enoteca “Mescite” di via Sant’Agnese, il panificio “Le bontà del grano” in piazza del Carmine, il bar “Jalapeño” di via della Maddalena, la tripperia “La Casana”, la sfuseria “Kilo” di via Ravecca e l’ortofrutta “Tramontana” di via Lomellini. Ma il ventaglio si sta già allargando ad altre produzioni: la prossima sarà il miele artigianale.

La formula è semplice: il cliente trova sul sito tutti i prodotti in vendita nei vari negozi e riempie il “carrello”. I prezzi includono già la commissione del 10% che viene trattenuta dalla piattaforma, ma più o meno sono in linea con quelli praticati dal vivo. La consegna costa 4,90 euro, ma sopra i 50 euro è gratuita. La spesa arriva il giorno successivo, al mattino o al pomeriggio a scelta dell’utente, “ma ci stiamo organizzando anche per riuscire a consegnare in giornata”, spiega Repetto.

L’idea è anche quella di innescare un circolo virtuoso al di fuori dei canali telematici: “Magari oggi faccio la spesa online da quel negozio, domani mi ricordo di quel nome e ci passo per comprare fisicamente”. E se altri negozi volessero aderire in corsa? “Siamo aperti a nuove adesioni – annuncia Repetto – ma solo di chi propone generi che non sono ancora disponibili, ad esempio la pasticceria. Abbiamo preso questa decisione per evitare una concorrenza interna che avrebbe generato una pericolosa guerra dei prezzi”.

Per ora si inizia dal centro storico, ma caruggi.net si propone come modello per tutta la città: “Ogni quartiere potrebbe avere la sua piattaforma online dove i negozi si fanno conoscere con l’obiettivo di stimolare anche la spesa di persona. Ci stiamo lavorando”, conclude Repetto.