Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Una rosa bianca in aula rossa, il gesto del sindaco Bucci per fare pace con la capogruppo Pd foto

Nei mesi scorsi i toni in consiglio si erano più volte surriscaldati. Cristina Lodi: "Un clima di rispetto reciproco è indispensabile per una libera e corretta espressione dell'attività politica e istituzionale"

Genova. Nei mesi scorsi è capitato più volte che la tensione, nell’aula del consiglio comunale di Genova, salisse alle stelle con toni piuttosto accesi tra maggioranza e opposizione, tra giunta e consiglieri, tra il sindaco ed esponenti della minoranza. Durante la seduta di oggi Bucci ha voluto compiere un gesto distensivo e simbolico per calmare le acque.

Generica

“La settimana scorsa ero via ma so che anche nel corso delle riunioni capigruppo qualcuno ha fatto capire di non essere felice del clima dei lavori – ha detto nel corso di una comunicazione ai consiglieri – so che qualcuno non ha gradito gesti di insofferenza da parte mia e anche se ribadisco che l’insofferenza non è mai verso la persona ma per le cose, ho pensato che così non va bene, dobbiamo metterci d’accordo e fare le cose bene perché altrimenti gli effetti negativi si riflettono sulla città”.

A quel punto il sindaco si è alzato in piedi: “Invece di fare discorsi e programmi, questa volta, ho pensato di fare una cosa un po’ diversa”. Dallo scranno è sceso nell’aula e avvicinandosi alla prima fila ha fatto omaggio di una rosa bianca, simbolo di pace, alla consigliera e capogruppo del Pd Cristina Lodi, con la quale più volte “si è preso” anche in maniera vivace.

Il gesto è stato accolto da un applauso da parte di tutti i presenti. Cristina Lodi ha ringraziato per il gesto e i lavori sono proseguiti. “Ringrazio il sindaco Marco Bucci per il gesto di riconciliazione che ha voluto dedicarmi oggi prima dell’avvio dei lavori del consiglio comunale, porgendomi un omaggio floreale. Nelle scorse settimane avevo sottolineato in aula la mia amarezza e contrarietà dì fronte a un atteggiamento di forte insofferenza da parte del primo cittadino rispetto agli interventi dell’opposizione. Credo che un clima di rispetto reciproco sia indispensabile per una libera e corretta espressione dell’attività politica e istituzionale. Continueremo a impegnarci con serietà in questo senso nell’interesse di Genova e dei genovesi”.

Bucci aveva appena finito di annunciare la data di inaugurazione del nuovo ponte, il 3 agosto, e di invitare i consiglieri comunali.