Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Trasporto ferroviario, Berrino: “Chiesti al Mit più treni per affrontare l’estate”

Pressing per aumentare i collegamenti ferroviari in Liguria e attesa per le risorse alle aziende del trasporto pubblico locale

Più informazioni su

Liguria. Il trasporto ferroviario è sempre più importante in Liguria e nel savonese, anche alla luce delle difficoltà delle autostrade. Tuttavia nei weekend non sono mancate criticità per l’afflusso di utenti e turisti, con collegamenti mancanti e situazioni di assembramenti.

Generica

Su questo è intervenuto oggi l’assessore regionale Gianni Berrino: “Intanto la ripresa ‘a pieno carico’ esclusivamente per posti a sedere per il settore del trasporto pubblico regionale e locale è un primo passo importante, ad ora siamo al 92% del servizio e speriamo di tornare a pieno regime a breve”.

“Ricordo che sono stati aggiunti 52 treni aggiuntivi in Liguria per aumentare l’offerta e garantire la massima capienza possibile. Siamo una delle regioni italiane con più convogli in circolazione dopo l’emergenza Covid, stiamo facendo il massimo dello sforzo possibile, anche perchè è essenziale che i turisti possano venire nelle riviere in treno senza finire nelle code della rete autostradale”.

“Abbiamo chiesto al ministro e al Mit un piano aggiuntivo per affrontare i disagi della viabilità autostradale, che riguarda in particolare i collegamenti Intercity da Milano, Roma e Torino verso Genova e le province liguri, proprio per aumentare ancora le possibilità di trasporto nel weekend, auspichiamo una risposta positiva nei prossimi giorni”.

E poi il capitolo sul trasporto pubblico locale, non solo per la mobilità urbana ed extraurbana ma anche per sostenere le aziende locali dopo il difficile momento del lockdown, con diretto riferimento al fondo ad hoc che era stato stabilito dal Governo: “E’ stato stanziato un primo pacchetto di risorse da 500 mln di euro, attendiamo la ripartizione regionale, tuttavia si tratta di un fondo insufficente per aiutare il Tpl, per questo speriamo che possano essere inseriti finanziamenti aggiuntivi in grado di portare al pareggio di bilancio le aziende e assicurare una loro solidità finanziaria per il futuro”.

“Anche su questo fronte stiamo facendo pressing sul Ministero, sia per velocizzare la prima ripartizione del fondo, quanto per arrivare ad altre risorse nel più breve tempo possibile, considerando le perdite per la mancata bigliettazione e le azioni anti-Covid che il settore ha dovuto sostenere per un trasporto in piena sicurezza sanitaria” conclude Berrino.