Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Tennis, incoronati a Valletta Cambiaso i campioni regionali giovanili

I partecipanti sono stati 241

Genova. Serata speciale al TC Valletta Cambiaso Asd di Genova per la celebrazione dei campioni regionali giovanili della Federtennis Liguria. Domenica 26 luglio si è tenuto l’atto conclusivo di un torneo lungo più di due settimane, con la partecipazione di 241 tennisti, dagli Under 10 agli Under 16, in arrivo da tutta la Liguria, per un evento che assegnava anche la qualificazione ai campionati italiani.

Tra gli spettatori illustri, Andrea Gaudenzi, oggi presidente Atp che giocò su questi campi nel 1998 contro l’India in Coppa Davis, venuto ad assistere alle performance dei figli Enea, Pietro e Filippo. È stato proprio Enea Gaudenzi a inaugurare la serie di successi del TC Finale, il circolo che con cinque titoli regionali ha fatto la voce grossa ai regionali. Tra gli Under 10, il terzogenito di Andrea ha sconfitto in finale Simone Moiso del Break Point. In campo femminile Victoria Lanteri Monaco (TC Ospedaletti) si è imposta sulla spezzina Chiara Rossi. Festa TC Genova tra le Under 11 con l’affermazione di Electra Beecroft su Victoria Grammaticopolo (TC Finale). Bene Pietro Gaudenzi (TC Finale) che in finale ha regolato Giovanni Calvi (TC Ambrosiano).

Daniela Grammaticopolo (TC Finale) ha firmato il titolo nell’Under 12 dopo aver battuto Francesca Borreani (Break Point). Derby TC Finale al maschile con Federico Pugliese bravo a prevalere su Lorenzo Elia. Aurora Nosei ha portato a casa il titolo Under 13 per il TC Santa Margherita Ligure dopo la vittoria su Sofia Coati (TC Taggese). È stato Giovanni Bibolini (TC Genova) il vincitore del torneo maschile dopo il confronto con Filippo Gaudenzi (TC Finale).

Il bis sammargheritese è arrivato tra le Under 14 con Arianna Mattaroni, vincitrice dell’atto conclusivo dell’evento su Ludovica Penna (TC Finale) mentre a livello maschile Simone Massucco (Golf e Tennis Rapallo) ha avuto la meglio su Simone Giromella (CT Spezia). Capitolo Under 16: trionfo per Curzio Manucci, in una finale tutta TC Genova su Davide Spinetta, e per Carlotta Vivaldi (TC Finale) su Francesca Miglio (TC Santa Margherita Ligure).

I Regionali, sostenuti da Spazio Genova e dallo sponsor federale Tecnifibre, erano per il terzo anno consecutivo dedicati alla memoria di Giampaolo Bigi, storico maestro del TC Valletta Cambiaso Asd.

Particolarmente significativa è stata la presenza di Stefano Anzalone, consigliere delegato allo sport per il Comune di Genova che ha riconosciuto il valore dell’operato federale non soltanto in ottica campionati regionali: “Voglio pubblicamente ringraziare la Federazione Italiana Tennis che, grazie ai protocolli elaborati , ha reso possibile la ripartenza dell’attività in totale sicurezza e di conseguenza l’organizzazione di manifestazioni come questa, a fronte della quale il Comune ha volentieri collaborato per la buona riuscita”.

Lo scambio di ringraziamenti ha così coinvolto Andrea Fossati, presidente del Comitato regionale della Fit, che ha sottolineato come “i regionali siano stati un grande successo nonostante la data anomala che comunque in parte ci ha favorito, perché non è andata a sovrapporsi a impegni scolastici. Siamo soddisfatti non solo per l’elevato livello di gioco messo in vetrina dai protagonisti, ma anche per aver saputo restituire un po’ di sana socialità a tutti i giovani atleti. Il protocollo operativo federale è stato senza dubbio una chiave importante per ripartire, ma da parte mia sono grato davvero a chi ci ha ascoltato in Comune e in Regione, permettendo ai ragazzi, ai gestori e ai professionisti del tennis di riprendere a fare sport e a lavorare in Liguria addirittura prima ancora che in altre zone d’Italia”.

Particolarmente entusiasta del riscontro del campo anche Matteo Repetto, che in seno al Comitato regionale ligure coordina l’attività giovanile. “Da sempre – ha detto – i campionati regionali rappresentano il fiore all’occhiello del nostro movimento, quest’anno hanno davvero rappresentato qualcosa di più, perché i ragazzi hanno vissuto l’esperienza del blocco dell’attività e hanno affrontato l’impegno se possibile ancora più determinati. La riuscita del Memorial Biggi è anche prova della validità del Sistema Italia elaborato dalla Federazione, anche se quest’anno non si è potuto attuarlo appieno per via dell’emergenza sanitaria. In ogni caso resta la soddisfazione di constatare l’ottimo stato di salute del nostro movimento, oltre che la qualità dei nostri atleti, in molti già di interesse nazionale”.