Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Serteco Volley School, Giorgio Parodi: “Avremo molto da divertirci, soprattutto col settore giovanile”

Il presidente si dice soddisfatto della sua prima stagione in questo ruolo: "I due obiettivi che mi ero prefissato li ho centrati in pieno"

Genova. Giorgio Parodi, presidente della PSA Olympia Volley, dalla scorsa stagione è anche il massimo dirigente della Serteco Volley School. In questa intervista parla in particolare della società arancionera, la cui prima squadra militerà in Serie B2 pure nella stagione 2020/2021, così come in quella appena trascorsa.

Giorgio Parodi

Nel prossimo campionato di Serie B2 la Serteco punterà molto sulle giovani, grazie anche al progetto in comune con l’Olympia.
“Sicuramente sì. Il progetto Olympia/Serteco è stato una scelta vincente l’anno scorso, quando abbiamo deciso di unificare le due società. Chiaramente quest’anno ci aspetta un anno importante per tutto il settore giovanile, a partire dalla B2 che sarà esclusivamente formata da under 19 e under 20. Sarà ai nastri di partenza di un campionato importante ma con lo scopo di far crescere il nostro settore giovanile. L’anno scorso ha fatto molto bene e quest’anno l’abbiamo rinforzata ancora; tra le due società abbiamo fatto un mix. Quindi il coach Mario Barigione avrà sicuramente da divertirsi”.

Molte giovani sono state riconfermate; inoltre ci sono stati alcuni innesti grazie alla sinergia con l’Olympia che andranno a far parte della rosa di B2.
“Il prossimo anno Serteco schiererà la B2 nazionale under 20/19, una Serie C regionale under 19, una Serie D regionale under 17 e poi le eccellenze sotto, 19, 17 e 15. Tutto questo, chiaramente, grazie alla possibilità di pescare nelle due società, Olympia e Serteco, le migliori atlete e fare praticamente delle squadre d’eccellenza. Avremo molto da divertirci, soprattutto col settore giovanile”.

La scorsa stagione è stata interrotta al settimo posto; la squadra era in salute. Nel prossimo anno sono attesi dei miglioramenti in termini di classifica?
“Noi abbiamo la fortuna di avere una cantera molto importante. Abbiamo circa cinquecento atlete giovani, le più vecchie sono del 2000; i nostri allenatori devono tirare fuori il meglio di ognuna di loro. Per far questo abbiamo dovuto creare una filiera di categorie importanti, in collaborazione con Olympia, che parta dalla B1, punto di arrivo di tutte le nostre giocatrici giovani in futuro, con una B2 strettamente giovanile e sotto a seguire tutte le categorie regionali. Questo fa sì che il progetto sia molto importante e soprattutto papabile per tante atlete che non sono Olympia o Serteco e ci stanno chiamando”.

Lo staff tecnico si è molto rinnovato.
“Ho riconfermato lo staff tecnico dell’anno scorso e in più fatto aggiunta di allenatori veramente in gamba. Quindi, oltre alla conferma di Matteo Zanoni come allenatore della B1 con Paolo Corrado e Luca Venturini che sono i vice, chiaramente poi sotto siamo andati a inserire Mario Barigione che è responsbaile della B2, poi Claudio Mattia e Tiziano Capponi che sono la triade che seguirà la Serie B2, la Serie D e l’Under 17. Più tutte le riconferme di chi c’era, a partire da Malaspina, Cafasso, Domenici. Nel settore giovanile abbiamo veramente dei signori allenatori dei quali vado molto orgoglioso. A capo di tutto questo c’è la mia team manager, Elena Rossi, che è a capo di tutta questa filiera.

Per Parodi è il secondo anno da presidente della Serteco. Un voto sul primo anno e gli obiettivi per il secondo?
“I voti li faccio dare agli altri, ma se devo essere proprio io a darmi un voto mi do un otto; non tanto per i risultati che sono stati ottimi, quanto perché comunque sono riuscito a mettere in linea una società che aveva qualche problemino. Dalla riconferma del PalaSerteco, per il quale lo scorso anno sono riuscito a rinegoziare il contratto allungandolo sino al 2032 e soprattutto a risanarla un po’ a livello finanziario. Questo è stato il mio primo anno e i due obiettivi li ho centrati in pieno”.