Disagi senza fine

Semaforo per Genova Est e surplus di traffico: val Bisagno in ginocchio

Un camionista: tre ore e mezza per arrivare da Vado Ligure a Genova Est

Genova. Situazione molto difficile anche in val Bisagno questa mattina, con il casello di Genova Est ancora accessibile a senso unico alternato per problemi alla galleria di accesso allo svincolo.

Il semaforo è attivo da ieri mattina per consentire la prosecuzione dei controlli sulla galleria San Pantaleo. Per ora non è ancora stata comunicata la data di riapertura e il verde, durando circa 30 secondi, non consente al traffico di defluire.

Le code si ripercuotono sul traffico urbano della zona che oggi sta subendo un surplus di veicoli a causa della proroga della chiusura del casello di Genova Ovest. Molti i mezzi pesanti che si sono trovati a percorrere il quartiere di Marassi per entrare in autostrada proprio utilizzando Genova Est.

Il traffico privato verso monte viene in parte deviato su via Enrico Toti e le code arrivano fino a San Fruttuoso.
Roberto D’Avolio, presidente del Municipio Media Valbisagno è quasi rassegnato: “C’è poco da dire, la valle è completamente bloccata, ci sono lavori ovunque, è determinante la situazione di Autostrade. Questa situazione è caotica e sta diventando insostenibile, occorre uno sblocco in tempi rapidi. Viviamo questa situazione sulla nostra pelle e non abbiamo aggiornamenti. Ci troviamo ad affrontare criticità spesso difficili da gestire”.

“Da Vado Ligure ho impiegato più di tre ore e mezza per arrivare a Genova Est e devo andare a Livorno”, dichiara un camionista in coda.

(foto di corso De Stefanis di Giada Surace)

leggi anche
semaforo casello genova est
Disagi assicurati
Autostrade, semaforo all’ingresso di Genova Est fino al 22 luglio. Disagi per la viabilità della Val Bisagno