Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Scolmatore rio Vernazza, pubblicato il bando per i lavori: a Sturla incubo alluvione fino al 2024 foto

Quattro anni di lavori per salvare le case dal fango, cantiere al via entro il 2020

Più informazioni su

Genova. Ci vorranno ancora quattro anni per mettere Sturla al riparo dalle alluvioni causate dal rio Chiappeto-Vernazza che scorre tombato sotto corso Europa e via Pontetti.

È quanto emerge dal bando di gara pubblicato dal Comune di Genova per i lavori dello scolmatore e dell’adeguamento idraulico dello Sturla. Nel documento vengono indicati 1.440 giorni di cantiere e la previsione di apertura agli uffici di Tursi risulta fissata per il 30 novembre 2020. Ne consegue che l’opera, salvo ulteriori rallentamenti, sarà pronta solo alla fine del 2024.

I residenti, insomma, dovranno vivranno ancora cinque autunni con l’incubo del fango e della devastazione in mezzo a case, negozi e officine. Com’è successo nel 2011 e nel 2014, quando il corso d’acqua era letteralmente esploso aprendo una voragine sulla strada e provocando ingenti danni. Da allora alcune famiglie hanno deciso di trasferirsi altrove pur essendo proprietarie di appartamenti.

La buona notizia è che, dopo anni di ritardi, complicazioni e tentennamenti, l’iter si è sbloccato ed entro quest’anno i lavori dovrebbero partire davvero. Il bando per il primo stralcio funzionale scade il 3 settembre e vale 12,8 milioni di euro, tutti già finanziati dal piano Italia Sicura del governo Renzi. Il secondo stralcio del progetto non è ancora finanziato e prevede altri 3 milioni per un ulteriore intervento sullo Sturla nel tratto a valle.

L’opera consiste tecnicamente in un “deviatore”, una galleria di circa 700 metri che all’altezza di corso Europa capterà il rio, che nasce sulle alture di San Martino, e lo porterà direttamente nello Sturla. Il torrente a sua volta dovrà essere adeguato con nuovi argini e una maggiore ampiezza dell’alveo. Proprio per questo motivo i lavori dovranno procedere in parallelo. Se lo scolmatore fosse pronto prima del 2024, si rischierebbe un effetto imbuto col rigurgito del flusso di piena a monte.

Generica

Nel 2019 gli abitanti di Sturla erano scesi in piazza per chiedere risposte certe. A ottobre l’assessore Piciocchi in consiglio comunale annunciò l’inizio dei lavori nella primavera del 2020, poi sono arrivati altri ritardi legati a un via libera necessario da parte della Regione ma anche a lungaggini nelle procedure di esproprio.

Foto di Katarina Sevcikova