Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Regionali Liguria, i supporter di Sansa: “Non accettiamo ultimatum da Italia Viva e Massardo”

"Sbagliato allargare la coalizione, non si cambiano le regole del gioco". L'ultima parola spetta ora al Pd

Più informazioni su

Genova. Il comitato promotore per la candidatura del giornalista Ferruccio Sansa alla presidenza della Regione Liguria nell’alleanza centrosinistra-M5S dice “no agli ultimatum” di Italia Viva e “alla fuga in avanti dell’annunciata candidatura dell’ex preside di Ingegneria Aristide Massardo”.

“Veniamo a conoscenza delle ultime evoluzioni, o meglio involuzioni, del dibattito che si è aperto nel centrosinistra e nel M5S in relazione alla scelta del candidato per le prossime regionali e delle ‘insanabili’ fratture che si starebbero consumando – interviene il comitato in una nota -. Riteniamo che allargare il tavolo della coalizione, all’ultimo momento dopo sei mesi di discussioni e trattative, a soggetti che nulla hanno condiviso del lavoro svolto in precedenza, equivalga a cambiare le regole del gioco dopo che sono state distribuite le carte. Ciò è ancor più vero se queste new entry diventano un elemento determinante per compiere modifiche sostanziali alle intese programmatiche raggiunte”.

L’ultima parola, dopo il fallimento della trattativa per tenere in piedi la “coalizione allargata” lunedì scorso, spetterà alla direzione del Partito Democratico che si terrà domani o al più tardi dopodomani in presenza dalle quattro sedi provinciali collegate tra loro via Zoom.

Una resa dei conti che rischia di spaccare il partito all’interno, diviso tra chi è disposto ad appoggiare Massardo pur di non perdere i voti dei moderati, chi potrebbe accettare una candidatura di Sansa (spinta dalla segreteria romana ma osteggiata dalla maggioranza dei liguri) e chi infine propende per una soluzione autonoma (Dello Strologo o Bandiera) a costo di tagliare fuori il Movimento 5 Stelle.