Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Marassi, i vandali devastano la nuova area giochi di piazza Galileo Ferraris: riqualificazione a rischio

L'ira di Ferrante: "Sono arrabbiato e amareggiato, ora dobbiamo valutare se i lavori potranno andare avanti"

Più informazioni su

Genova. Le indagini sono in corso, ma tutto autorizza a pensare che sia stata una vendetta. La scorsa notte qualcuno si è introdotto nel cantiere della nuova area giochi in piazza Galileo Ferraris a Marassi e ha sfregiato il tappeto antitrauma appena posato. E adesso l’intero progetto di riqualificazione è a rischio, visto che l’episodio è solo l’ultimo di una lunga serie di danni e dispetti che impediscono alla ditta in subappalto per Aster di portare a termine i lavori.

Tutto è iniziato a giugno. “I bambini continuavano a entrare nell’area giochi non ancora completata, sono settimane che la ditta mi supplica di intervenire perché non riesce a posare il nuovo tappeto – racconta il presidente del Municipio Bassa Valbisagno, Massimo Ferrante -. Li ho visti di persona scavalcare le recinzioni con i genitori fuori che lasciavano fare. Abbiamo messo i cartelli pregando di rispettare il divieto, avevamo installato le telecamere già a gennaio. Tra l’altro è pericoloso, perché i nuovi giochi non sono ancora fissati al terreno. Ma le mamme si giustificavano dicendo che c’erano anche gli altri bambini. Un’assenza totale di senso civico“.

L’andazzo continua così per altri giorni finché sabato scorso la polizia locale – che ha la sede del distretto a poche decine di metri, in via Marassi – non decide di fare un blitz in piazza Galileo Ferraris dopo le ennesime lamentele da parte di Aster e Municipio. Fioccano le sanzioni, e a quanto pare alcuni genitori si sarebbero persino rifiutati di riconoscere i propri figli per evitare la multa. Poi, il gesto della scorsa notte. Che ha tutto il sapore di una ritorsione.

Sono arrabbiato e amareggiato – si sfoga Ferrante -. Ci stiamo facendo in quattro per riqualificare il territorio. Hanno preso una speciale resina dai sacchi e ci hanno cosparso tutti i giochi. Lo scorso 26 giugno un genitore mi ha aggredito affermando che suo figlio aveva il diritto di giocare lì visto che i lavori sono rimasti fermi per tre mesi. Forse questo signore non sa che c’è stata una pandemia. Adesso la ditta ha sospeso il cantiere e non sa se potrà andare avanti perché è la terza volta che deve rifare il lavoro e non riesce più a sostenere i costi. Provo una profonda tristezza“.

La riqualificazione di piazza Galileo Ferraris, approvata dopo un percorso di urbanistica partecipata, è finanziata con 150mila euro dal Comune e altri 50mila dal Municipio che ha realizzato il progetto. Nuovi giochi per bambini, panchine sinuose ad alta socialità, separazione funzionale per fasce d’età, illuminazione a led sulla scorta di quanto era stato già fatto in piazza Martinez nella vicina San Fruttuoso. I lavori avrebbero dovuto essere completati entro l’estate, ma adesso tutto si complica.

Sono convinto che si tratti di una minoranza, ma la maggioranza sembra spaventata e non reagisce. Sono davvero sorpreso. Ora pagheremo un servizio di vigilanza privata a spese nostre, visioneremo le telecamere per capire chi è stato. Spero non dobbiamo buttare via un appalto di 35mila euro di giochi, i soldi non ci sono per acquistarne altri”, ribatte Ferrante.

Intanto Aster ha documentato l’accaduto con una foto e un post sulla propria pagina Facebook: “La stupida condotta di qualcuno ha provocato un grave danno in quanto ci sarà un ritardo nella fine dei lavori dovuto alla necessità di posare nuovamente la gomma e al fatto che i giochi sono stati lordati con la resina. Ciononostante noi di Aster non ci fermiamo. Chiediamo a tutti di collaborare per arrivare alla fine di questo lavoro tanto atteso”.