Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Manutenzione Autostrade, la Cgil denuncia: “Inapplicato il protocollo ligure, ignoriamo le condizioni di lavoro”

Non si conoscono le imprese, da dove provengano, quanti siano i cantieri e i lavoratori impiegati e con quali professionalità, quante ore lavorino

Genova. “Le drammatiche condizioni di chi viaggia sulle autostrade liguri mettono in secondo piano le condizioni di lavoro che vivono gli operai nei cantieri dedicati alla manutenzione. Non si conoscono le imprese, da dove provengano, quanti siano i cantieri e i lavoratori impiegati e con quali professionalità, quante ore lavorino di giorno e di notte, sette giorni su sette e se siano rispettati i contratti collettivi e le regole sulla sicurezza”.

Questa la denuncia della Cgil Liguria attraverso le dichiarazioni del segretario generale Federico Vesigna e del segretario organizzativo Fabio Marante, che invitano ad applicare integralmente il protocollo ligure, unico in Italia, sottoscritto nel 2017: “Il caos che stanno vivendo le autostrade potrebbe essere parzialmente alleviato se solo si applicasse il protocollo siglato tra le organizzazioni sindacali, le prefetture liguri, la Regione Liguria e le concessionarie”.

La necessità di rendere sicure le strade attraverso il rispetto delle regole è un elemento considerato imprescindibile per ridare qualità alla rete, secondo la Cgil, ma occorre anche tutelare i lavoratori: “Il protocollo regionale tiene insieme la tutela degli utenti e quella di chi sulle autostrade ci lavora – aggiungono i sindacalisti – purtroppo il protocollo è in parte disatteso soprattutto nel capitolo delle concessionarie che non sempre provvedono all’inoltro delle notifiche preliminari con le informazioni necessarie all’apertura di un cantiere”.

L’accesso ai cantieri autostradali da parte delle organizzazioni sindacali non sempre viene autorizzato, denuncia la Cgil Liguria aumentando le difficoltà per il sindacato a proseguire l’impegno a favore della sicurezza e del rispetto delle norme contrattuali. Per Vesigna e Marante “Prima dell’avvio dei lavori, la  concessionarie autostradali devono promuovere l’incontro tra le imprese affidatarie e il sindacato rispetto alla sicurezza, all’organizzazione del lavoro e la logistica del cantiere per questo motivo è necessario che i prefetti della Liguria si attivino per garantire l’applicazione integrale del protocollo”.