Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Inaugurazione nuovo ponte, Aspi non ci sarà: nessun invito dalla struttura commissariale

Intanto, consegnata la parte superiore dell'infrastruttura da parte dei costruttori, oggi si conclude l'ispezione definitiva di viabilità

Genova. La questione non è se verranno o non verranno. Non verrano. Perché non c’è stato alcun invito ad Aspi. La notizia, aleggiata negli ultimi giorni, è confermata indirettamente ma con certezza da fonti della struttura commissariale. Si chiudono quindi le polemiche sull’eventuale presenza di esponenti di Autostrade per l’Italia all’inaugurazione del 3 agosto del nuovo ponte Genova San Giorgio.

Sulla questione aleggiava ancora qualche dubbio visto che da una parte Aspi ha pagato la ricostruzione, dall’altra sarà il gestore della parte transitabile dell’infrastruttura. Inoltre all’appuntamento non saranno presenti né i familiari delle vittime né gli sfollati. I primi hanno spiegato più volte di non avere motivo di festeggiare la costruzione di un’infrastruttura realizzata perché un’altra è crollata in passato, portando con essa le vite dei loro cari. I secondi hanno sottolineato che l’impatto emotivo della situazione sarebbe comunque troppo forte.

Ciononostante si sono volute evitare polemiche in un giorno così importante per la città e per il Paese. Una volontà messa in campo non solo dalla struttura commissariale ma, pare, anche dagli stessi vertici di Aspi che non avrebbero fatto il passo falso, come il 14 agosto scorso alla commemorazione delle vittime, di presentarsi all’appuntamento.

A proposito di chiarimenti, oggi il sindaco e commissario per la ricostruzione Marco Bucci ha spiegato, a margine della presentazione di un libro, una volta per tutte la questione della consegna dell’opera e dell’ispezione di viabilità: “La consegna alla struttura commissariale della parte superiore del viadotto sul Polcevera è già avvenuta, l’ispezione definitiva di viabilità è iniziata ieri e si concluderà oggi, tutti i passaggi stanno avvenendo correttamente e nei tempi giusti”, ha detto Bucci.

Dopo la consegna del ponte Genova San Giorgio alla struttura commissariale, come noto, l’infrastruttura passerà al ministero dei Trasporti e da questo al concessionario, Aspi. “Tuttavia stiamo parlando della parte superiore, dell’impalcato, ovvero della parte del ponte che si potrà percorrere a partire dai prossimi giorni – continua Bucci – in realtà i lavori sul ponte, o meglio, dentro e fuori dal ponte proseguiranno anche nei prossimi mesi, tra completamento degli impianti e sistemazione delle aree di cantiere”.