Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

I “camion blu” tornano sul nuovo ponte di Genova, secondo giorno di prove di collaudo fotogallery

In tutto 56 mezzi pesanti per 2500 tonnellate di peso

Più informazioni su

Genova. Al via il secondo di sei giorni prove di collaudo. I mezzi, 56 autoarticolati e alcuni carrelli, sono stati portati sulla struttura alle 7 di questa mattina. Le operazioni sono iniziate intorno alle 8 con lo spostamento dei primi mezzi nei punti di misurazione. Non ci sono orari schedulati, i tecnici che stanno seguendo il collaudo valutano in progress come procedere con le prove.

In tutto circa 2.500 tonnellate di carico per verificare la corretta tenuta della struttura prima dell’inaugurazione. Le procedure sono state definite congiuntamente da Anas, Rina e dal consorzio PerGenova.

Diverse fasi. Durante la fase zero i mezzi dovranno transitare sulla struttura in formazione serrata a marcia lenta per permettere l’assestamento strutturale dell’impalcato. Per la prova a torsione alcuni mezzi percorreranno prima la carreggiata nord e poi quella sud. Per la prova di frenatura alcuni mezzi freneranno contemporaneamente in un punto definito.

In seguito, in 6 fasi successive, si procederà all’esecuzione delle prove statiche: i mezzi verranno posizionati opportunamente su porzioni prefissate dell’impalcato e tali da determinare nella struttura stati di sollecitazione superiori agli stati d’esercizio del viadotto.

Durante le operazioni, le tre campate adiacenti alla campata in prova saranno mantenute libere, al
fine di evitare eventuali interferenze. Le fasi, pertanto, saranno composte da due o tre prove non
interferenti tra di loro, che possano essere realizzate in contemporanea. Durante ciascuna delle 6 fasi, i mezzi si posizioneranno gradualmente sopra il viadotto aumentando così il carico. Nel mentre si procederà alle letture topografiche richieste dalle procedure di collaudo.

Le fasi sono state ordinate in ordine decrescente rispetto al numero dei mezzi necessari per le singole prove, al fine di diminuire progressivamente il numero dei mezzi presenti sopra il viadotto con il procedere delle prove stesse.