Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genoa: dopo la vittoria al derby non c’è tempo di rilassarsi risultati fotogallery

I commenti del dopo gara: mister e capitano non abbassano la guardia

Genova. “Siamo contenti per noi e per la gente. Non era facile viste le assenze”. Davide Nicola si gode la vittoria nel derby in un momento decisivo per la stagione del Genoa.

“Il derby è sempre una partita che dà stimoli particolari, ma è stato una tappa del percorso per raggiungere il nostro obiettivo. Tra tre giorni si gioca: non c’è tempo per rilassarsi. Aver vinto stasera è molto importante, sappiamo che non è finita”.

Il Genoa in ogni caso ha dato segni di risveglio anche sul gioco e la tenuta fisica e mentale. Si sono viste giocate di prima, reparti più compatti, scambi e un possesso palla un po’ meno sterile.

Nicola lo evidenzia: “Non c’è molto tempo per provare in questo periodo. Noi siamo un gruppo che ha bisogno di tutti, mi interessa che continui a crescere a livello di mentalità. Abbiamo affrontato una squadra tosta, noi non siamo stati da meno. Rispetto alla gara con il Lecce siamo stati più ordinati, determinati e in grado di incidere”.

“Oggi abbiamo dimostrato di essere squadra. Abbiamo sofferto, lottato e attaccato” afferma il capitano Mimmo Criscito. Non aveva mai segnato nel derby: “Mi mancava, è un’emozione unica. Peccato non averlo fatto davanti ai nostri tifosi, ma credo che anche loro festeggeranno. Ci tenevano, lo sapevamo”.

Anche Criscito, come Nicola, non si fa illusioni e tiene alta la guardia: “Non molliamo, abbiamo passato momenti difficili ma abbiamo la pelle dura. Ci godiamo questo momento, ma sappiamo bene che il campionato non è finito, è un momento importante, sapevamo che sarebbe stata dura e che il Lecce non avrebbe mollato, ma dobbiamo salvarci. Il mister è la nostra forza. È un vero genoano, non molla”.

Sabato c’è l’Inter, atteso al Ferraris alle 19.30. Sicuramente una partita difficile, mentre il Lecce giocherà il giorno dopo a Bologna. Nelle sabbie mobili della zona retrocessione potrebbe essere risucchiato anche l’Udinese, che stasera disputerà il match contro la Juventus. In caso di sconfitta resterebbe a 36, alla pari del Genoa.