Quantcast
Si respira

Coronavirus, rientra l’emergenza: anche al Villa Scassi smontata la tenda anti contagio

Era stato uno degli ospedali genovesi più colpiti durante la fase più critica dell'emergenza

Generica

Genova. Questa mattina è stata smontata all’ospedale Villa Scassi di Sampierdarena la tenda pre-triage fornita dalla protezione Civile durante l’emergenza Covid-19. Un ulteriore segnale della progressiva normalizzazione dei percorsi.

Nelle scorse settimane la stessa tenda era state dismessa al San Martino mentre rimane al momento montata quella di fronte al pronto soccorso del Galliera.

Erano diventate uno dei simboli dell’emergenza sanitaria, allestite per prevenire i contagi nelle strutture di pronto soccorso qualora i malati si fossero presentati da soli all’ospedale, procedura vietata dal protocollo ma seguita comunque da diverse persone che non chiamavano il 112.

Ora anche il Villa Scassi va verso una situazione Covid-free, già raggiunta dal San Martino e nelle scorse ore dal Galliera dove tuttavia è arrivato di recente un nuovo ricoverato. L’ospedale di Sampierdarena era stato uno dei più colpiti durante l’emergenza come avevamo raccontato con le dure testimonianze di due medici in prima linea.

L’ospedale in ogni caso rimane attivo e in assetto per continuare a garantire flussi in sicurezza, come comunica Asl 3.

leggi anche
bio box bidoni villa scassi
La denucia
Villa Scassi, la denuncia degli infermieri: “Bidoni stracolmi di materiale infetto lasciati negli spogliatoi del personale”
Generica
Lutto
Coronavirus, Pasqua di dolore al Villa Scassi: morta infermiera in servizio al reparto Covid
Generica
Lutto
Coronavirus, il chirurgo del villa Scassi Emilio Brignole primo medico genovese a morire sul campo
Generica
Intervento
Coronavirus, Salvatore (M5s): “Fare subito inchiesta rapidissima sulle condizioni del Villa Scassi”
Generica
Diario di guerra
Coronavirus, rivelazioni choc dai medici del Villa Scassi: “Costretti a lasciarli morire, è una mattanza”
Generica
Protesta
Coronavirus, allarme per 700 lavoratori della sanità in Liguria: “Lasciati a casa dopo l’emergenza”