Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, crescono i contagi a Savona e in tutta Italia. Toti: “Nessuna grave preoccupazione”

Il governatore: "Situazione monitorata, rispetto a due mesi fa i numeri sono confortanti"

Più informazioni su

Genova. “La situazione è monitorata, al momento non abbiamo situazioni di grave preoccupazione“. Il presidente ligure Giovanni Toti non teme la crescita dei contagi nel cluster savonese, primo in Italia per crescita giornaliera dei positivi, e nemmeno l’impennata registrata a livello italiano con 282 nuovi casi (ieri erano 129).

Ad oggi sono 56 i positivi correlati al contagio nato al ristorante Best Sushi di Savona, tre in più rispetto a ieri (due clienti e contatto). In totale sono 45 i clienti del ristorante o loro contatti risultati positivi, a cui si aggiungono otto dipendenti e tre operatori sanitari dell’Asl 2 contatti di altri operatori sanitari clienti. Eseguiti circa 1.400 tamponi, di questi ne sono stati refertati 1020: si attendono i risultati dei tamponi prelevati ieri. Le persone in isolamento cautelativo sono 1.500. Cinque gli ospedalizzati, tutti in buone condizioni.

La situazione è monitorata, il cluster di Savona ne è un esempio – assicura Toti -. Stiamo parlando di una delle situazioni peggiori che potevano essere affrontate, ma non c’è nessun caso preoccupante dal punto di vista clinico. Sia pure con la mascherina e tutte le norme non ci può essere sicurezza al 100%. È chiaro che il virus c’è, che gira tra noi e che bisogna mantenere delle precauzioni che abbiamo imparato a conoscere bene e che perlopiù si applicano nonostante un po’ di esuberanza giovanile, ma non abbiamo situazioni di grave preoccupazione”.

Ci sono solo tre regioni – Puglia, Abruzzo e Valle d’Aosta – e la provincia autonoma di Bolzano a non registrare nuovi casi nelle ultime 24 ore. I 282 positivi individuati sono, tra l’altro, 57 in Emilia Romagna, 51 in Lombardia, 36 in Veneto e in Basilicata, 20 nella provincia autonoma di Trento, 19 in Campania, 16 nel Lazio, 13 in Piemonte. Le altre regioni hanno aumenti a una sola cifra.

“Rispetto a due mesi fa i sono numeri francamente confortanti – ribatte Toti – poi che il quadro generale del Paese sia cambiato mi sembra evidente, sulle spiegazioni del perché sia cambiato vi rimando agli esperti in materia”.