Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Classifica governatori, per Toti in cinque anni impennata di consensi: meglio di lui solo Zaia

I risultati dello studio condotto dall'istituto Noto per Il Sole 24 Ore: Bucci è il terzo sindaco più amato d'Italia insieme al bergamasco Gori

Genova. Marco Bucci è il terzo sindaco più amato d’Italia, mentre Giovanni Toti si classifica all’ottavo posto tra i presidenti di regione ma è quello che fa registrare una delle più alte impennate di consensi rispetto al giorno della sua elezione, ormai più di cinque anni fa.

Lo rivela il “Governance poll” realizzato dall’istituto Noto per Il Sole 24 Ore che ha pubblicato oggi la classifica del gradimento che riscuotono gli amministratori locali nei territori dove sono stati scelti.

Tra i liguri, a ottenere il risultato migliore in termini assoluti è il primo cittadino di Genova, che secondo un altro recente sondaggio risultava addirittura quello col maggiore consenso in tutta Italia. Nella classifica del Sole, Bucci deve accontentarsi della medaglia di bronzo a pari merito con Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, grazie al 63,7% di gradimento (era 55,2% tre anni fa quando fu eletto). Al primo posto c’è Antonio De Caro, sindaco di Bari e presidente nazionale di Anci (69,4%), segue Cateno De Luca di Messina (67,4%).

Per quanto riguarda i governatori, in cima al podio c’è il veneto Luca Zaia che è balzato dal 50,1% al 70% di consensi. Subito dopo di lui il friulano Massimiliano Fedriga (59,8%), quindi Donatella Tesei appena eletta in Umbria (57,5%). Il ligure Giovanni Toti si ferma al 48% che vale l’ottavo posto, ma nel 2015 era appena al 34,4%. Una vera e propria scalata (più 13,6%) seconda solo a quella di Zaia che tuttavia partiva da una percentuale ben più elevata (più 19,9%).

Va detto che il campione usato per compilare la classifica è di soli mille elettori per ogni Comune o Regione, disaggregati per sesso, età e area di residenza. Le interviste sono state realizzate dal 5 giugno al 30 giugno e il margine di errore dichiarato dall’istituto Noto è 0-4%.