Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Caos autostrade senza fine: A7 ancora chiusa, 15 chilometri di coda per uscire a Bolzaneto

Riaperto il casello di Genova Ovest ma solo per chi è diretto oltre Bolzaneto. Ennesima mattinata da incubo e i disagi non sono finiti

Più informazioni su

Genova. È sempre gravissima la situazione del traffico sull’autostrada A7 dove si sono formati 15 chilometri di coda (poi diventati 8 nel tardo pomeriggio) in direzione Sud per via dell’uscita obbligata a Bolzaneto. Da ieri sera infatti è chiuso al traffico il tratto terminale fino a Genova Ovest per le ispezioni prolungate all’interno della galleria Zella.

È stato invece riaperto alle 8.30 il casello di Genova Ovest in entrata attraverso un bypass. Chi è diretto in A12 però non potrà raggiungere l’allacciamento A7/A12 a causa dello scambio di carreggiata ed è quindi obbligato a entrare a Genova Est. Chiusa anche l’uscita di Bolzaneto in direzione Milano. Rimangono forti disagi al traffico nella zona di Bolzaneto dove confluisce tutto il flusso in arrivo da Nord (anche se Autostrade consiglia di percorrere la A26).

“Questi controlli andavano fatti 10 anni fa, abbiamo avuto un rapporto non all’altezza fra Stato e concessionari. Noi dopo decenni per primi abbiamo impostato un lavoro per la sicurezza delle gallerie e viadotti in tutta Italia. Appena avuta la prima mappatura abbiamo chiesto ad Aspi di fare gli interventi. Era in vigore la circolare del ’67 che imponeva un controllo a vista. Noi abbiamo detto che andava bene un controllo con le nuove tecnologie georadar per semplificare”. Così il ministro dei Trasporti Paola De Micheli, a 24 Mattino su Radio 24. “Nei prossimi 10 giorni in Liguria terminiamo i controlli”, risponde.

Già ieri Autostrade aveva avvisato che “in relazione alle gallerie “Monte Moro”, “Zella” e “San Bartolomeo” in A7 e “Madonna delle Grazie” in A26, per le loro caratteristiche costruttive e data la complessità delle attività previste questa notte, è probabile che l’orario di riapertura dei tratti autostradali interessati venga procrastinato oltre quello previsto, con conseguenti rilevanti riflessi sulla circolazione”.