Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Caos autostrade, la Cisl si sfila dallo sciopero dei trasporti: “Non ci prestiamo a giochi politici”

La segreteria regionale: "Se il ministero non manterrà le promesse ci attiveremo in tutte le forme necessarie"

Più informazioni su

Genova. La Cisl ligure non parteciperà allo sciopero dei trasporti indetto dalle sigle di categoria per il 24 luglio. A spiegare le regioni è una nota della segreteria regionale del sindacato.

“Il 16 luglio – si legge – abbiamo protestato con più di 200 delegati sotto la prefettura di Genova facendo sentire in modo forte e chiaro la voce e le richieste dei lavoratori. Abbiamo scelto questa modalità per non gravare sulle tasche dei lavoratori, che già hanno pagato in termini economici il lockdown appena passato, e per non arrecare ulteriori disagi a lavoratori e cittadini, che con una viabilità già al collasso non possono vedersi privare di mezzi pubblici per potersi muovere, anche se con fasce garantite, aggravando una situazione già critica. Si era decisa questa modalità anche perché non ci prestiamo a giochi politici, e soprattutto perché uno sciopero generale, quindi di tutti i settori del trasporto e non solamente di uno specifico, deve avere una controparte chiara e definita per poter trovare soluzioni, altrimenti lo sciopero assume connotazioni completamente in contrasto con i valori che come Cisl portiamo avanti ogni giorno”.

“Il 21 luglio c’è stato l’incontro con la ministra De Micheli, che sicuramente avrebbe necessitato di tempi e modalità diverse: in quell’occasione il punto più importante è stata la rassicurazione e la conferma da parte della ministra che entro 10 giorni ci sarà un tavolo, come da noi richiesto giovedì 16 luglio scorso nel corso del presidio in prefettura. Tavolo che dovrà dare soluzioni per l’emergenza con date, scadenze, azioni mirate e precise per uscire dall’impasse del blocco della viabilità autostradale. Per l’incontro la ministra ha delegato il Sottosegretario delle Infrastrutture e Trasporti Traversi: in quella occasione si dovranno produrre soluzioni concrete per la viabilità ligure”, prosegue la Cisl.

“Se ciò che ci è stato promesso non dovesse essere mantenuto ci attiveremo in tutte le forme necessarie per poter risolvere questa situazione, non più sostenibile dai lavoratori dei trasporti e dalla cittadinanza tutta. Esigiamo che ciò che ci è stato promesso venga mantenuto. Le criticità della viabilità genovese e ligure non sono affatto risolte, non pensiamo come è stato detto ci sia stata una narrazione sbagliata della situazione che si sta vivendo, perché ogni giorno il prezzo continuano a pagarlo i lavoratori e cittadini, subendo quotidianamente enormi disagi”, conclude la nota.