Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Bollino giallo per ondate di calore prorogato su Genova fino a domenica

In base alle indicazioni del ministero della Salute, si raccomanda di evitare le uscite nelle ore centrali della giornata.

Genova. Il ministero della Salute ha prorogato fino ad almeno a domenica 2 agosto, l’avviso per caldo su Genova, una delle 27 città monitorate. “Bollino giallo, con possibili ondate di calore, temperature molto elevate per più giorni consecutivi, spesso associate a tassi elevati di umidità, forte irraggiamento solare e assenza di ventilazione”, questo il motivo dell’innalzamento ed estensione della soglia di attenzione.

Queste condizioni climatiche possono rappresentare un rischio per la salute della popolazione. Il “bollino giallo” interessa Genova già oggi, venerdì 31 luglio, e domani, sabato 1 agosto. Quindi anche domenica si raccomanda, come sempre in questi casi, di bere molto (non bevande alcoliche o zuccherate artificialmente) e di limitare le uscite nelle ore più calde, quelle centrali della giornata, soprattutto se si è anziani, malati cronici o bambini piccoli.

Le previsioni di Arpal. Domani, sabato 1 agosto, ancora una giornata in prevalenza soleggiata con cumuli a evoluzione diurna sui rilievi e nell’interno, localmente associati a brevi piovaschi, raramente in sconfinamento verso la costa. Permangono condizioni di caldo e afa. Umidità: su valori alti. Venti: deboli variabili, brezze lungo la costa. Mare: poco mosso. Anche domenica, 2 agosto, al mattino in prevalenza soleggiato; dal pomeriggio, l’approssimarsi di una nuova onda depressionaria atlantica determinerà un aumento della nuvolosità con deboli precipitazioni soprattutto nell’interno e sui versanti padani dove non si escludono locali episodi temporaleschi. Il disagio per caldo e l’afa continuerà a farsi sentire.

La giornata più calda sarà comunque, termometro alla mano, quella di sabato. Previste massime fino a 31 gradi sulla costa, fino a 34 nell’entroterra.