Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Aster, firmato accordo sindacale: garantiti turn over e nuove attività

Manutenzione ordinaria e quota parte di quella straordinaria degli impianti elettrici di 427 edifici comunali (scuole, musei, palazzo Tursi)

Genova. Nuove attività e turn over garantito. Firmato un accordo tra Comune di Genova e Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil insieme alla rappresentanza sindacale aziendale di Aster.

Dopo mesi di trattativa in uno scenario complicato (l’intenzione del Comune era di affidare ai privati la sostituzione di 55 mila corpi illuminanti posti nel territorio cittadino) con, secondo i rappresentanti dei lavoratori, il conseguente rischio d’impoverimento delle attività di Aster con relative possibili ricadute negative sui livelli occupazionali, ecco la firma che, oltre a scongiurare i pericoli, garantisce secondo i sindacati le più ampie prospettive per Aster tramite nuove attività, i necessari trasferimenti economici e assunzioni che garantiranno il turn over.

L’accordo sottoscritto garantisce il mantenimento della proprietà pubblica di Aster, l’incremento dell’attività in alcuni settori strategici; il pieno turn over e quindi assunzioni in tutti i settori pari al numero dei pensionamenti; la manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti semaforici; la manutenzione straordinaria dell’illuminazione pubblica per un importo non inferiore al 2020; garanzia sul trasferimento di attività da parte del Comune, sino alla scadenza del contratto di servizio, onde garantire la stabilità economica e finanziaria di Aster; l’impegno a implementare l’attività del cantiere di produzione del conglomerato bituminoso, favorendo l’acquisizione di nuovi clienti; l’impegno del Comune a farsi carico degli eventuali investimenti necessari; il mantenimento del contratto gas-acqua e unicità della struttura aziendale mantenendo tutte le sue linee operative.

Inoltre, già dal 2020, si sono concordate nuove e corpose attività per Aster che consistono nella manutenzione ordinaria, e quota parte di quella straordinaria, degli impianti elettrici di 427 edifici comunali (scuole, musei, palazzo Tursi).

Fabio Barbero, Romeo Bregata, Elisabetta Colli, rappresentanti rispettivamente di Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil, sono soddisfatti per gli esiti della trattativa “nella consapevolezza di aver garantito all’azienda e ai lavoratori ogni garanzia per il futuro, anche nel lungo periodo, avendo così assolto il mandato conferitoci”.