Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“Un parco urbano al posto di lungomare Canepa”, il progetto da sogno di M5s ed Emergencities fotogallery

Costo stimato 80 milioni di euro, l'architetto: "La prima fase potrà essere pronta in due anni"

Più informazioni su

Genova. Spostare lungomare Canepa sopra la ferrovia e realizzare un grande parco urbano, un “chilometro verde” dove oggi c’è la strada di scorrimento che rende impossibile la vita ai cittadini di Sampierdarena per il traffico e il rumore. È l’ambizioso progetto elaborato dall’associazione Emergencities e presentato oggi dal Movimento 5 Stelle a palazzo Tursi col patrocinio del Municipio Centro Ovest (a guida leghista). Costi ipotizzati 80 milioni di euro, anche se per ora non esiste un’idea precisa di come trovare i finanziamenti necessari.

Generica

“Il progetto parte dalla problematica urgente di lungomare Canepa – spiega l’architetto Alessandro Pierandrei di Emergencities – ma con un programma per fasi che propone di riqualificare l’intera Sampierdarena. L’obiettivo è quello di portare la strada in sopraelevata sulla ferrovia portuale alla stessa quota della Guida Rossa, e nello spazio che si libera realizzare un parco intelligente, non solo uno spazio verde e ricreativo, ma con una serie di funzioni civiche che lo tengono attivo tutto il tempo”.

“In questo modo – prosegue il progettista -. La prima parte si potrebbe realizzare in due anni, e con la nostra soluzione non sarebbe necessario interrompere il traffico perché prima verrebbe realizzata la nuova strada sopraelevata. Le fasi successive riguardano la riqualificazione di via Sampierdarena, via Buranello e via Cantore con una riattivazione del tessuto economico e sociale. Nel complesso sarebbero necessari cinque anni“.

Nel parco realizzato al posto della strada, secondo i progettisti, si potranno collocare centri sportivi e spazi civici che verranno alimentati dall’energia fotovoltaica. Sulla strada sopraelevata, infatti, andrà realizzata una galleria fonoassorbente dotata di pannelli solari. “L’idea è quella di creare una sorta di ecosistema che manca a Ponente, uno spazio dove i cittadini possono vivere”, spiega Pierandrei. Via Sampierdarena diventerebbe una strada pedonale. Per i magazzini del sale è prevista la riqualificazione con la creazione di un museo.

Generica

Il progetto doveva essere presentato pubblicamente al centro civico Buranello, poi l’evento è stato rimandato a causa dell’emergenza coronavirus. Assente il sottosegretario ai trasporti Roberto Traversi del M5s, che ha mandato un videomessaggio, c’era invece il presidente del Municipio Renato Falcidia: “Noi abbiamo sempre chiesto opere di mitigazione e continuiamo con questa richiesta. Le risorse? Non le abbiamo ancora quantificate, credo che servano aiuti dal Governo o finanziamenti europei”.

E se nei prossimi mesi verrà sottoscritto un protocollo d’intesa tra Municipio, Comune e Regione per avviare un percorso di partecipazione su lungomare Canepa, ad accusare qualche mal di pancia per l’iniziativa dei Cinque Stelle è stato il comitato dei cittadini che nelle scorse settimane aveva promosso un proprio concorso di idee.

“Loro sono stati invitati come tutti i comitati, stiamo ragionando di un’idea e tutti dovrebbero essere felici, è un modo di puntare un faro su una situazione insostenibile”, risponde il capogruppo a Tursi Luca Pirondini. “Il progetto è assolutamente autoprodotto, la nostra è un’associazione senza fini di lucro. Questo è un atto di amore per Genova. Lo abbiamo presentato a gennaio al comitato e credo che sia stato ampiamente apprezzato”, aggiunge l’architetto Pierandrei.