Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Prima passeggiata sul nuovo ponte per Toti e Bucci: “43 passi pensando alle vittime” fotogallery

Stamani sopralluogo sull'impalcato dopo il completamento della soletta. E il governatore torna ad attaccare Mit e Autostrade mentre Genova è ferma in coda

Più informazioni su

Genova. “Camminare qua sopra mette i brividi”. Lo ha detto il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti muovendo i primi passi sul nuovo ponte di Genova, questa mattina, insieme al sindaco e commissario straordinario Marco Bucci e ai responsabili del cantiere. Una “passeggiata” di pochi minuti sull’impalcato ormai completo di soletta, ultimata ieri.

Il governatore ligure, durante la diretta Facebook lanciata per “ricordare un momento storico” – ha detto – ha ribadito alcuni concetti più volte espressi ovvero l’importanza dell’applicazione del cosiddetto “modello Genova” e la differenza tra questa opera e altre, a partire dalla critica al piano di interventi nelle gallerie da parte di Autostrade, piano che in queste ore sta ancora bloccando la viabilità ligure.

La prima dedica è stata alle vittime della tragedia del crollo: “I primi 43 passi – ha detto ancora il Presidente – li abbiamo fatti pensando a loro. E loro nessuno li dimenticherà. Poi, emozionati, abbiamo pensato che da una grande tragedia siamo stati capaci di rialzarci, più forti di prima. E siamo stati capaci di far sapere al mondo intero chi siamo. Questo è il modello Genova, quello che qualcuno ancora oggi denigra, forse per incapacità o forse per paura, ma che può davvero far ripartire il paese”.

“È stata una grande emozione – ha detto il commissario per la ricostruzione e sindaco di Genova Marco Bucci – Il primo pensiero è andato alle 43 vittime e ai loro congiunti che soffrono ancora. Il secondo alla città di Genova e a tutti noi, che finalmente abbiamo di nuovo una viabilità che si merita una città che vuole avere il suo ruolo non solo in Italia ma anche in Europa. Senza contare il grande aiuto che possiamo dare alla mobilità del porto sia in entrata che in uscita, per far sì che le merci possano arrivare qui e raggiungere velocemente, senza intoppi, il Nord Italia, la Svizzera e la Germania. Questo è il nostro obiettivo, e ce la stiamo facendo”.

“Praticamente l’unico tratto di autostrada in Liguria dove oggi si riesce a circolare”, commenta sarcasticamente uno dei follower del profilo social di Toti. E in effetti anche oggi le code e gli ingorghi sono tanti e difficilmente la situazione migliorerà più di tanto entro l’inizio di agosto, momento in cui il ponte dovrebbe finalmente essere pronto, collaudato e inaugurato.