Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

San Giovanni Battista, i sindaci di Genova, Firenze e Torino festeggiano insieme il 24 giugno

Dal Falò genovese, al Farò torinese fino ai Fochi fiorentini sono molte le analogie tra sacro e profano

Più informazioni su

Genova. Intervista tripla in stile “Iene” per i sindaci di Torino, Firenze e Genova, Chiara Appendino, Dario Nardella e Marco Bucci. Un breve video pubblicato sui canali social delle amministrazioni comunali, in queste ore, dà appuntamento a una ricorrenza che accomuna le tre città: i festeggiamenti per lo stesso santo patrono, San Giovanni Battista.

I tre primi cittadini, nel video, si limitano a ricordare i propri nomi e cariche, e a spiegare che il 24 giugno festeggeranno insieme questa festa che, curiosamente, in tutte le città, unisce tradizioni sacre e profane molto simili fra loro. Quest’anno i festeggiamenti non potranno avere luogo come al solito a causa delle normative Covid che non permettono assembramenti, ma è probabile che le diverse amministrazioni diano luogo a celebrazioni in forma ridotta.

A Genova la notte che precede il 24 giugno vive in un’atmosfera di festa tra falò, torce e candele, giocolieri, musicisti e attori, locali di ristoro e bancarelle ed eventi. Poi, a mezzanotte, ci si sposta tutti in Piazza Matteotti per l’accensione del gran falò. Il 24 giugno, dalla Cattedrale di San Lorenzo al Porto Antico, si tiene la solenne e spettacolare processione delle antiche Confraternite con i loro grandiosi e artistici Cristi. Segue la benedizione del mare e della città impartita dal Cardinale Arcivescovo di Genova.

Torino. I tre eventi più importanti della festa di San Giovanni a Torino sono senza dubbio: il Farò (falò), la sfilata in costume d’epoca per le vie della città e lo spettacolo di Droni Luminosi, novità introdotta da un paio di anni che ha sostituito i classici fuochi d’artificio di San Giovanni e che sembra il comune abbia deciso di rinnovare anche nel 2020.

A Firenze. Dal medioevo fin ad oggi la data del 24 giugno è sempre stata sinonimo di festeggiamenti per tutta Firenze e per i fiorentini. Ancora oggi infatti i festeggiamenti di San Giovanni Battista iniziano con la Santa Messa in suffragio dei defunti fiorentini dell’anno e continua con rievocazioni storiche, l’offerta del cero e la finale del calcio storico fiorentino, fino alle 22.00, quando prenderà il via lo spettacolo dei fuochi d’artificio, “i Fochi” di San Giovanni, che dipingono il cielo con spettacolari giochi di luci e di forme.