Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sampdoria, tango platense nel 2020/21?

Piacciono, in attacco, Urzi e Borré, ma anche il croato Brekalo; in difesa Omar Alderete e Maximiliano Caufriez ed a centrocampo Mohammed Kudus

Genova. Inter e Roma sono alle porte e forse è un bene partire in salita… Dopo la sosta per il “lockdown”, non è escluso, tra l’altro, che possano scapparci sorprese ed intanto Ramírez e compagni potranno “fare la gamba” per le successive decisive partite con Bologna, Spal e Lecce, in cui – inutile nascondercelo – la Sampdoria si giocherà la permanenza in Serie A, conscia, come tutta la tifoseria, che il non riuscire a centrare l’obiettivo rappresenterebbe un “dramma” sportivo, oltre che economico, per la società, costretta a vivere di plusvalenze, impossibili da realizzare con giocatori eventualmente retrocessi.

Nel frattempo comunque gli uomini mercato devono continuare il loro lavoro di scouting, puntando su giocatori dai costi non eccessivi che abbiano potenzialità di esplosione… cosa facile a dirsi, ma difficile da realizzare, perché è questo l’obiettivo comune di chiunque operi sul mercato.

Vediamo dunque cosa è trapelato, sul Doria, in questa ultima settimana, partendo da qualche ritorno di fiamma, non perfettamente rientrante nel progetto di cui sopra. Ci riferiamo alla voce riguardante il romanista Alessandro Florenzi, in rientro dal prestito al Valencia, che necessiterebbe tuttavia del ricorso a notevoli sforzi economici, per un giocatore (che si avvia verso i trent’anni) già al top.

Diverse, ma sempre dai costi non indifferenti, le opzioni Brekalo, Borrè ed Urzi.

Il primo, Josip Brekalo, attaccante esterno croato (già 11 presenze in Nazionale) del Wolfsburg, è del ’98, quindi si tratta solo di capire se l’investimento (alto, per battere la concorrenza di Atalanta e Milan) vale la candela, ma si è propensi a pensare di sì, visto che nel suo curriculum, dall’estate del 2019, vi è l’inserimento, da parte dell’UEFA, nei 50 giovani più promettenti

Il secondo, Rafael Santos Borré Maury, che di anni ne ha venticinque, è “sponsorizzato” dalla stima di Hernan Crespo, ma la prima esperienza europea (nel 2016, in Spagna) non è stata brillante per il colombiano, che tuttavia si è rifatto poi una buona nomea nel River Plate e il “diario deportivo de fútbol Don Bàlon”, riferisce del suo desiderio a riprovarci nel vecchio continente, dove avrebbe estimatori italiani (Atalanta, Lazio, Udinese), oltre alla Samp.

Il terzo, Agustín José Urzi, attaccante del Banfield, è il più giovane (classe 2000) e del fatto che potrebbe venire a ballare il tango (genere musicale originario proprio della regione del Rio de la Plata, dove è nato il giocatore) abbiamo già riferito, sulle pagine di Genova24, lo scorso 9 giugno. La novità è rappresentata dal fatto che potrebbe “ballare” in coppia con Borré.

Passando alla difesa, ci sono due nomi nuovi, un paraguaiano di 24 anni, Omar Federico Alderete Fernández, cresciuto nel Cerro Porteño, club di Barrio Obrero, sobborgo di Asunción, che gioca da un anno nel Basilea ed un belga del ’97, Maximiliano Caufriez, capitano del capitano del Waasland Beveren, che piace anche al Genoa.

A proposito di voci di reflusso, torna in superficie il nome di Mohammed Kudus, centrocampista del Nordsjælland e quindi compagno di squadra Mikkel Damsgaard, già blucerchiato da gennaio e segnalato in gran forma dalla stampa danese.

Il ghanese, nato ad Accra, è un 2000 e sulle sue tracce c’è perfino il Liverpool.