Salvatore (ilBuonsenso) dice la sua sul candidato che non c'è: "Renzi e Paita impongono Massardo" - Genova 24
Commento

Salvatore (ilBuonsenso) dice la sua sul candidato che non c’è: “Renzi e Paita impongono Massardo”

Generica

Genova. Riceviamo e pubblichiamo da Alice Salvatore, consigliera regionale e presidente de ilBuonsenso, ex M5s.

“Come tutti i liguri stanno leggendo sui giornali, il candidato del carrozzone tra il MoVimento 5 Stelle “poltronaro” e il PD Ligure “cementificatore”, sarà Aristide Massardo. Ovviamente rispettiamo Massardo, come persona e professionista, ma lo riteniamo completamente inadatto al ruolo, e oltretutto indicato da Renzi e dalla Paita.

Sono state raggiunte e superate le più sfrenate immaginazioni fantascientifiche. Se anche solo quattro o cinque anni fa un attivista grillino avesse dovuto commentare un’alleanza con il PD, questa gli sarebbe sembrata strana come un compromesso tra Berlinguer e Almirante, Partito Comunista e Movimento Sociale.

Quello che era il MoVimento 5 Stelle combatteva le politiche cementificatrici di Burlando e di Paita, e ora non solo fa un accordo con questi personaggi, ma arriva ad asservirsi addirittura ai dictat del rignanese Matteo Renzi e di Raffaella Paita.

Quando alcuni esponenti del Movimento sostengono che l’alleanza serve per “fare le cose”, gli ricordiamo l’abolizione dei vitalizi e la revoca delle concessioni ai Benetton, che rimangono entrambi fermamente intatti al loro posto, mentre stanno massacrando i liguri.

La Liguria ha bisogno di un vento nuovo e di idee diverse dal Partito Unico destra/sinistra. Da una parte abbiamo la controfigura di Berlusconi e dall’altra la rivincita della Paita.

Per questo in tanti ci siamo mossi per creare ilBuonsenso, per rendere giustizia a tutti gli anni di distruzione che la Liguria ha dovuto sopportare sotto il Partito Unico e far finalmente rialzare la testa ai liguri.La Liguria non deve essere governata né da milanesi né da toscani, ma dai liguri stessi”.

leggi anche
Generica
Caos
Regionali Liguria, il M5s vira su Massardo: da Roma la nota “renziana” che fa infuriare la sinistra