Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Regionali Liguria, il Pd prova a placare le acque ed è ancora in cerca di un nome alternativo

La direzione regionale sul nome di Sansa non è ancora stata fissata. Intanto il "gruppo di pressione" civico Dello Strologo non vuole gettare la spugna.

Più informazioni su

Genova. Tutto tace, o quasi, sul fronte del centrosinistra ligure e non è un caso. Il Pd dsta cercando di evitare la potenziale e pericolosa spaccatura interna che potrebbe crearsi se il partito, da Roma, insisterà nell’imporre il nome di Ferruccio Sansa per non stroncare l’ipotesi di alleanza giallorossa.

L’idea che l’ex preside di Ingegneria Aristide Massardo possa tornare sulla cresta dell’onda in nome di un coefficiente discreto di “accettabilità” convince sino a un certo punto le forze del fronte anti-Toti che comunque credono che serva un nome più incisivo in quella che sarà una spietata agone elettorale.

E così, Pd cunctator, l’arte di procrastinare e sospendere il giudizio per serrare i ranghi nel frattempo, non c’è ancora una data per la direzione regionale chiamata a esprimersi sul candidato e che avrebbe dovuto svolgersi proprio oggi. Al momento neppure giovedì, giorno di ritorno a casa dei parlamentari, sembra esserci alcunché in calendario.

Intanto Francesco Bollorino, psichiatra e promotore del comitato civico a sostegno di Ariel Dello Strologo come candidato sottolinea in una nota che la pagina Facebook da lui creata è un’iniziativa, appunto, civica e non di un partito. “La nostra può considerarsi a tutti gli effetti una nuova proposta civica e non quella uscita sui giornali qualche settimana fa e come tale chiediamo torni ad essere riconsiderata da tutte le forze di coalizione”.

Il gruppo – sottolinea Bollorino – ha raggiunto quota 2200 iscritti. Non c’è un riferimento diretto agli oltre 1700 che hanno sottoscritto la candidatura di Ferruccio Sansa, ma è impossibile non paragonare le due cifre (con la differenza che passa tra mettere un “mi piace”, magari anche per monitorare un fenomeno, e firmare una proposta con nome e cognome).

E se il nome del candidato non fosse uno dei tre citati finora in questo articolo? “Forse”, sussurrano quasi scaramanticamente dagli ambienti di via Maragliano non si nega che si sia ancora alla ricerca di un profilo alternativo e che l’attesa per la convocazione della direzione sia legata anche a questo ennesimo sforzo creativo.