Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rapine e aggressioni nei distributori h24, sgominata baby gang del centro cittadino

Diversi coetanei sono finiti nelle loro mani: in custodia due giovani di 17 e 16 anni

Più informazioni su

Genova. Sono durate circa tre mesi le indagini condotte dai poliziotti del Commissariato Centro, per identificare alcuni membri di una gang di minorenni che, nel corso degli ultimi mesi del 2019, hanno turbato la tranquillità di alcune zone residenziali del centro cittadino.

Generica

L’episodio più eclatante si è registrato a metà di novembre, nel cuore del quartiere di Carignano, quando questo gruppo di ragazzi che si fa chiamare i “Santana” circonda, aggredisce e rapina un coetaneo che sta prelevando alcuni prodotti alimentari da un distributore automatico. La gravità dell’azione emerge non tanto per il modico valore economico del provento criminale, ma per le modalità dell’azione messa in atto dalla banda, che facendo leva sulla forza del branco ha circondato il povero malcapitato impedendogli ogni via di fuga, passando alle maniere forti al suo primo timido accenno di tentativo di reazione.

Tutta la scena è stata ripresa da una telecamera di sicurezza che ha cristallizzato quanto accaduto e filmato una decina di giovani volti, di ragazzi e ragazze a cui è stato necessario associare un nome.

Il lavoro degli operatori è partito appunto dalle immagini raccolte e solo grazie ad una certosina osservazione dei fotogrammi è stato possibile ricostruire tutta la sequenza dell’aggressione e soprattutto far emergere le singole responsabilità di ogni presente.
Nelle settimane successive, gli equipaggi delle volanti del Commissariato hanno controllato l’open shop24, luogo del reato, identificando chiunque si trovasse nei pressi riuscendo così a dare un nome ai componenti della banda.

I giovani, nel frattempo, hanno continuato a frequentare il quartiere rendendosi responsabili di altri episodi di violenza, quali le lesioni gravi provocate con svariati colpi di casco al volto ad un giovane, reo secondo uno dei leader del gruppo, di aver guardato troppo la giovane fidanzata.

La Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni ha seguito tutto il lavoro d’indagine riconoscendo la gravità dei fatti e le modalità di azione come effettuate da criminali già esperti, reputando opportuna la misura della custodia cautelare in carcere per due di loro e la denuncia in stato di libertà per un terzo. Attualmente i due giovani, genovesi di 17 e 17 anni, sono ancora in regime di custodia.