Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Piste ciclabili, adesso Bucci può pensare in grande: dal Governo arrivano 3 milioni di euro

Sbloccati 380 milioni di finanziamenti in tutta Italia, il sindaco: "Ottima notizia, serviranno per interventi strutturali"

Più informazioni su

Genova. Il sindaco Marco Bucci tira dritto sulle piste ciclabili e anzi festeggia per l’arrivo di nuove risorse dal Governo. Ammontano infatti a quasi 3 milioni gli stanziamenti dal ministero dei trasporti al Comune di Genova approvati oggi in conferenza unificata per gli anni 2020 e 2021. Soldi che non serviranno a tracciare linee sull’asfalto – così viene realizzata la “rete d’emergenza” che ha fatto il suo esordio in corso Italia – ma veri e propri itinerari strutturali, cioè separati dal traffico veicolare.

E’ un’ottima notizia – ha commentato il sindaco – Useremo questi soldi per il progetto che conoscete bene e faremo le modifiche strutturali che non siamo riusciti a fare finora”. Nelle mire di Tursi non c’è tanto la trasformazione delle piste disegnate nelle ultime settimane, quanto lo sblocco di alcuni progetti che sono fermi da mesi nel cassetto in attesa di trovare finanziamenti.

Uno dei primi a partire potrebbe essere quello della ciclabile in Valbisagno, un progetto da oltre 5 chilometri che riguarda la sponda sinistra del torrente, quella dove c’è più spazio sulla carreggiata, che però avrebbe bisogno di oltre 4 milioni di euro per essere completato. In ballo c’è anche la “Super 11”, l’itinerario da Boccadasse alla Fiumara (nulla a che vedere, lo ripetiamo, con le strisce bianche e gialle comparse dopo il lockdown) che attraverserà anche il nuovo Waterfront di Levante.

In tutto il piano prevede la realizzazione di 130 chilometri di piste ciclabili, come ha ricordato il primo cittadino. E, anche se il finanziamento sarà spalmato in due anni tra 2020 e 2021 “ci adatteremo, mi sembra sempre una buona notizia”. Per la città metropolitana, di cui Bucci è sempre sindaco, sono previsti ulteriori 1,5 milioni.

Per quanto riguarda la Liguria, il sottosegretario Roberto Traversi ha sottolineato come ci siano “alcune città che in questo processo di cambiamento hanno accumulato fortissimi ritardi. Queste risorse possono essere l’occasione giusta per iniziare a recuperare il tempo perduto. Già con le misure contenute nel Decreto Rilancio la città di Genova ha iniziato ad agire in questo senso, adesso anche l’azione dei centri più piccoli può trovare slancio”.

Il piano nazionale cuba 380 milioni di euro di investimenti e comprende un sistema di dieci ciclovie turistiche nazionali, la costruzione di ciclostazioni e il sostegno a interventi sulla sicurezza della circolazione ciclistica cittadina. Oltre a mettere immediatamente a disposizione per gli anni 2020-2024 complessivi 240 milioni di risorse già stanziate per il sistema nazionale di ciclovie turistiche, il Mit ha fissato i criteri per la ripartizione di ulteriori 137 milioni di risorse immediatamente stanziabili per gli anni 2020 e 2021 a favore di Città Metropolitane e Comuni.