Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Morto per coronavirus Carlo Giacobbe: era direttore Residenza San Camillo

Politico savonese di lungo corso, dal 2013 dirigeva la struttura per anziani sulle alture di Genova

Genova. Si è spento in queste ore Carlo Giacobbe, politico savonese, noto per la sua attività di amministratore di lungo corso. Aveva compiuto 63 anni lo scorso 10 marzo.

Giacobbe era direttore amministrativo della Residenza San Camillo di Genova dal 2013 e proprio all’interno dell’istituto era stato contagiato dal Covid a marzo.

Inizialmente era stato ricoverato per diversi giorni all’ospedale San Paolo di Savona, poi era stato dimesso ma le sue condizioni sono peggiorate negli ultimi giorni con un nuovo trasferimento d’urgenza all’ospedale San Martino di Genova. Questa mattina il decesso.

Proprio a marzo nella residenza San Camillo un focolaio di Covid aveva ucciso 29 anziani su 136 ospiti. Proprio per il numero molto alto di decessi la rsa del Righi era finita insieme ad altre sotto la lente della Procura di Genova. Ad essere indagata la direttrice sanitaria insieme ai colleghi delle residenze Anni Azzurri, don Orione Paverano, Camandolina, del Centro di riabilitazione e Torriglia.

A metà aprile alla San Camillo era morto a causa del covid anche un operatore socio-sanitario di 59 anni.

Molte le cariche ricoperte da Giacobbe nei suoi anni di militanza politica nel centrosinistra. Tra le principali quella di sindaco di Vado Ligure dal 2004 al 2009 e prima, dal 1995 al 2004, quella di vicepresidente della Provincia di Savona nella giunta di Alessandro Garassini (nella foto qui sotto). Nel suo primo mandato fu assessore ad Ambiente, Difesa del suolo e Attività Produttive; nel secondo ebbe la delega a urbanistica, territorio ed Infrastrutture.

Carlo Giacobbe Alessandro Garassini

La sua storia politica è sempre stata legata al centrosinistra (prima nella Federazione giovanile del Pci, po Pds, Ds e infine Pd). E’ stato segretario della Fgci alle fine degli anni ’70, dirigente del Pci e ha traghettato la transizione al Pds negli anni ’90. E’ stato segretario provinciale del Pds dal 1995. E’ stato anche membro del CdA di EcoSavona e consigliere comunale a Varazze. E’ stato membro del Consiglio delle Autonomie Locali della Regione Liguria, dell’esecutivo regionale dell’ANCI e del Consiglio di Amministrazione dell’Agenzia Regionale per la Gestione dell’Albo dei segretari comunali.

“Ho conosciuto Carlo Giacobbe come sindaco di Vado Ligure nei momenti decisivi per il futuro della sua comunità, che oggi vive un nuovo inizio con la grande piattaforma. L’ho conosciuto come dirigente politico, ma soprattutto come persona di grande valore, dotato di una disponibilità all’ascolto e al confronto e di una umanità rare da trovare. Sono molto vicina ad Anna e a tutta la loro famiglia”, è il messaggio di cordoglio di Raffaella Paita, deputata di Italia Viva.

A unirsi al compianto è anche il Pd ligure: “Carlo ha dedicato la sua vita alla politica e all’amministrazione, ha militato, sin da ragazzo, nella Fgci diventandone segretario alla fine degli anni Settanta. È stato dirigente del Pci e ha partecipato attivamente alla nascita del Pds, di cui, a inizio anni Novanta, ha assunto la carica di segretario provinciale a Savona. È stato vicepresidente della Provincia di Savona, sindaco di Vado Ligure, consigliere comunale a Varazze e membro dell’esecutivo regionale di Anci. Una vita intensa, finita troppo presto. Ricordiamo di lui l’altissimo senso delle istituzioni, il grande rigore morale, la grande intelligenza, la preparazione politico-amministrativa e l’impegno instancabile per il suo territorio. Ci mancherai Carlo. Alla moglie Donatella e ai figli Martina e Paolo va il cordoglio di tutto il Gruppo del Partito Democratico della Liguria”.