Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Medici di famiglia: “Il virus è ancora in giro, fondamentale poter visitare i pazienti a domicilio”

Progetto Covid Tour, oltre 60 medici di famiglia si sono resi disponibili ad effettuare le necessarie visite domiciliari, a turno e gratuitamente

Genova. “Avete aumentato l’impegno? Io aumento il mio contributo”. Così stanno rispondendo tanti cittadini per finanziare il progetto “Covid Tour” che alcuni medici di famiglia, soci della cooperativa Medicoop Genova, hanno progettato e realizzato prima in Valpolcevera e poi – visto il successo – in Valbisagno, Centro Città, Voltri, Levante Genovese e Golfo Paradiso.

Ma rispetto all’obiettivo dei 20.000 euro di finanziamento del progetto, malgrado la generosità di molti, si è arrivati a quota 8.000 euro. Una quota ragguardevole, rispetto a tanti altri progetti, ma non sufficiente per il futuro.

“La diminuzione dei casi di coronavirus non tragga in inganno – sottolinea Pier Claudio Brasesco, presidente di Medicoop Genova – il virus è ancora in giro ed è fondamentale poter visitare e rassicurare tanti pazienti a domicilio con tutte i dispositivi di sicurezza per i pazienti, i loro parenti conviventi e i medici”.

Il progetto Covid Tour coinvolge al momento oltre 60 medici di famiglia delle diverse zone che si sono resi disponibili ad effettuare le necessarie visite domiciliari, a turno e gratuitamente. Lo hanno fatto nei momenti peggiori della pandemia, continuano a farlo ora.

“Gli studi concordano in modo uniforme che a fronte di 230.000 positivi conclamati, in realtà in Italia ne abbiamo almeno 10 volte tanto – ricorda Brasesco -. Da qui la necessità di continuare a seguire le persone che possono avere sintomi, evitando ricoveri ospedalieri. Questo significa un costo per acquistare dispositivi di protezione: tute, mascherine, doppi guanti, visiera, calzari. Oltre alla necessità di un efficiente sistema di trasporto con le Pubbliche Assistenze: perché il medico va accompagnato da un operatore che lo possa anche aiutare nella vestizione e svestizione di tutti i dispositivi di protezione”.

Sono ormai centinaia di pazienti visitati in sicurezza al proprio domicilio. Con piccoli contributi anche di pochi euro è possibile garantire questo servizio in gran parte della città anche nei prossimi mesi quando la situazione dovrà essere monitorata costantemente.

Farlo è piuttosto semplice. Basta collegarsi alla piattaforma di crowdfunding GoFundme e digitare in alto a sinistra su “cerca” Covid Tour Genova. Un piccolo contributo solidale in questa situazione in cui tutti ci sentiamo più fragili. Come scrive una famiglia dopo aver completata la donazione.