Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lnd, il messaggio di Giulio Ivaldi: “È necessario ripartire, l’obiettivo è tornare a giocare”

"Ognuno di noi ha l'onore e la responsabilità di essere un protagonista di questa ripartenza"

Più informazioni su

Genova. In apertura del comunicato ufficiale odierno, Giulio Ivaldi, presidente del Comitato regionale Liguria della Lega Nazionale Dilettanti della Figc, ha diffuso un messaggio rivolto al mondo del calcio. Ecco le sue parole.

“Con grande felicità ed emozione riprendiamo oggi la pubblicazione dei Comunicati Ufficiali, il mezzo istituzionale con il quale il Comitato si relazione con tutte le nostre Società.

Non mi pare il caso di ritornare sulle tematiche che a fine febbraio ci hanno imposto di sospendere tutte le nostre attività dai più piccoli ai grandi.

Dopo il Consiglio Federale dell’8 giugno scorso e quello di Lega dell’11 giugno sono state delineate a livello nazionale le linee guida per la chiusura della stagione sportiva 2019/20, linee guida che ci permettono d’impostare la prossima stagione nonché ufficializzare tutta una serie di decisioni collaterali, appunto, alla chiusura citata.

Sul Comunicato che segue troverete, oltre alle comunicazioni relative alla stagione in corso, anche diverse informazioni sulla prossima stagione, informazioni che saranno integrate nel breve periodo di pochi giorni da altre che ci permetteranno d’iniziare a puntare verso i Campionati e Tornei 2020/21.

In questo contesto permettetemi, però, di anticipare due argomenti che ritengo assolutamente imprescindibili: il primo riguarda gli aspetti economici riferiti alle iscrizioni alla prossima stagione.

Sono lieto di comunicare che il Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti ha deliberato un sostegno a tutte le nostre Società quantificato complessivamente in 10 milioni di euro su base nazionale che, concretamente, per la nostra Regione si devono intendere in punto iscrizioni come minori oneri per 250 mila euro e il raddoppio della somma destinata alle vincenti il ‘Progetto valorizzazione giovani calciatori’ che la prossima stagione premierà otto Società del Campionato di Eccellenza e 16 del Campionato di Promozione con un monte premi complessivo di oltre 110 mila euro.

A questa importante iniziativa si affiancherà il Comitato Regionale Liguria che sosterrà i nostri Sodalizi, sempre in sede d’iscrizione, con altri 80 mila euro che andranno ulteriormente ad abbattere le somme da versare su questo tema.

Al fine esclusivamente esemplificativo in concreto la tassa d’iscrizione per una Società di Eccellenza sarà di 1000 euro, un terzo rispetto ai 3000 di questa stagione, mentre per le Terze categorie già iscritte quest’anno, perché come noto le nuove non pagano, il costo d’iscrizione sarà di 160 euro rispetto agli 800 euro pagati lo scorso luglio.

Il secondo aspetto che vorrei sottolineare in questa sede è riferito al fatto che pochi giorni addietro è stato pubblicato il protocollo attuativo, con alcuni consigli pratici, per la ripresa degli allenamenti che, naturalmente, si devono inquadrare al momento temporale in cui lo stesso viene diramato e, pertanto, sarà seguito, specialmente per ciò che concerne le modalità di svolgimento dell’allenamento stesso, da altre indicazioni aggiornate in relazione all’evolversi della pandemia e che potrebbero per questo modificare sostanzialmente quanto già pubblicato.

Anticipo già da ora che il Comitato sarà a fianco delle Società, che naturalmente lo vorranno, al fine di adeguare le proprie attività alle indicazioni presenti nel protocollo citato attraverso la collaborazione e consulenza gratuita per le Società stesse del gruppo dei nostri Fiduciari Impianti Sportivi che hanno provveduto ad approfondire nei dettagli i disposti del documento che ci occupa e che prenderanno contatto con tutti i Gestori dei nostri circa 150 campi ad 11 e, a seguire, di quelli ove si svolge l’attività di calcio a Cinque e di Base, al fine di promuovere in ogni sito un incontro congiunto durante il quale, appunto, si forniranno indicazioni precise sia di carattere generale sia diversificate, ovviamente, in base alle peculiarità di ogni singolo impianto.

A tutti rivolgo un accorato appello affinché, in questa fase estremamente delicata da molteplici punti di vista, si ponga come traguardo primo ed irrinunciabile l’obiettivo di far tornare a giocare a calcio le nostre ragazze ed i nostri ragazzi, di tutte le età, in sicurezza e serenità, di riempire di nuovo i nostri impianti di gioco dei nostri ‘rumori’ come il fischietto, la palla che rimbalza, le grida, gli incitamenti e, anche, qualche protesta.

È assolutamente necessario ripartire, affrontando problemi che mai ci saremmo immaginati di dover gestire, alle volte la vita è bella anche per la sua straordinarietà, problemi che per la loro risoluzione necessitano di azioni concrete e poche parole.

Ognuno di noi, indipendentemente dal ruolo che ricopre in ambito federale, ha l’onore e la responsabilità di essere un protagonista di questa ripartenza alla quale è necessario dedicare tutto il nostro impegno, le nostre capacità, la nostra abnegazione.

Lo dobbiamo ai nostri ragazzi e alle Loro Famiglie, alle Istituzioni e alla Società tutta che conta su di noi per un ritorno a quella ‘normalità’ che così tanto ci è mancata in questi mesi e lo dobbiamo a noi stessi per l’amore e la passione che ci muove giornalmente e ci permette di credere fermamente in quei valori altissimi che solo il mondo dello sport sa regalare ai nostri giovani e in quelle grandi soddisfazioni che solo noi capiamo quando li vediamo crescere, certamente atleti, ma soprattutto uomini e donne che nella vita avranno grandi benefici da quanto il nostro mondo ha saputo offrire Loro.

Per questo vale davvero la pena di ripartire con grande determinazione, magari sporcandoci ancora di più le mani, ma se lo sapremo fare bene sicuramente saremo più belli di prima.

Buon calcio a tutti”.