Quantcast
Replica

Iren ai lavoratori in piazza: “Stupore per le proteste su buoni pasto e premi”

Generica

Genova. Iren esprime, in una nota, “sincero stupore in seguito al presidio organizzato dalle Organizzazioni Sindacali liguri svoltosi nella mattinata di oggi, lunedì 8 giugno”.

“Prima di entrare nel merito delle contestazioni, il Gruppo tiene a ricordare di aver scelto di non ricorrere per l’intera durata dell’epidemia Covid-19 ad ammortizzatori sociali per senso di solidarietà e responsabilità nei confronti dei settori più deboli dell’economia introducendo diverse iniziative innovative che hanno consentito a tutti gli oltre 8.000 dipendenti del Gruppo di non subire alcuna decurtazione della retribuzione”, si legge nella nota ufficiale.

Iren ricorda: “In primis, è stato istituito lo strumento delle ferie solidali, per cui ogni dipendente poteva donare a un fondo comune giorni di ferie in favore dei colleghi che hanno già utilizzato le proprie giornate e non fossero impiegabili; sono stati donati di 2.000 giorni di ferie, di cui 500 donati dai dirigenti”.

“Gli importanti investimenti tecnologici degli scorsi anni unita alla messa a disposizione di smartphone per tutti i dipendenti, hanno consentito di estendere lo smart-working a circa 3.000 dipendenti che hanno potuto inoltre usufruire di giornate di formazione fruibili direttamente online, per corsi di lingua, formazione personale e professionale” e venendo al merito delle contestazioni delle Organizzazioni Sindacali liguri, il gruppo precisa che:

“Premio di risultato: il 29 maggio Iren ha comunicato alle Organizzazioni Sindacali l’intenzione di riconoscere un premio di risultato per l’anno 2019, tenendo conto anche della disponibilità del personale operativo nel periodo dell’emergenza Covid-19. Tale premio, sulla base dei risultati raggiunti, ha avuto un riconoscimento medio – particolarmente elevato – pari al 96%, con valori per le diverse Business Unit oscillanti tra il 102% e il 94%. I risultati non raggiunti sono dovuti principalmente al fenomeno dell’assenteismo. Per quanto riguarda il premio di risultato 2020, l’azienda ha già comunicato ai sindacati la propria disponibilità a tenere conto dell’impegno sul campo dei propri dipendenti nella complessa gestione dell’emergenza Covid-19”.

“Buoni pasto: prima dell’avvio dell’emergenza Covid-19, i dipendenti del Gruppo con sede in Liguria (Genova e La Spezia, le uniche due sedi del Gruppo sprovviste di mensa aziendale) avevano la possibilità di lavorare un giorno a settimana da casa in modalità smart-working vedendosi riconosciuto l’equivalente buono pasto. Una volta iniziata l’emergenza Covid-19, tutti i dipendenti non operativi sul campo hanno iniziato a lavorare in modalità smart-working da casa, beneficiando dei buoni pasto per tutti i giorni della settimana”.

“Con la graduale ripresa delle attività, che prevedono il contestuale rientro dei dipendenti presso le sedi di lavoro, il Gruppo Iren lascia facoltà ai dipendenti che ne avessero necessità di continuare a lavorare in modalità smart-working come previsto dal Dpcm del Governo ma, concluso questo momento straordinario, il Gruppo prevede il ritorno ai precedenti accordi che prevedevano l’erogazione di un buono pasto a settimana a fronte di un equivalente giorno in smart-working. Tale procedura è peraltro in linea con quella adottata dalla maggior parte delle aziende italiane”, si legge nella nota.

Più informazioni
leggi anche
  • Malcontento
    Cancellazione dei buoni pasto e premi ridotti: a Genova doppio presidio dei lavoratori Iren
    Generica