Quantcast
Pallavolo

Genova torna in Serie B1: la PSA Olympia è promossarisultati

Il patron Parodi: "Con il duro lavoro assieme allo staff tecnico siamo riusciti a centrare un obiettivo pressoché storico"

psa

Genova. La decisione era ormai nell’aria da qualche settimana e nella giornata di venerdì 4 giugno la tanto attesa ufficialità dalla Fipav nazionale è arrivata: la PSA Olympia del patron Giorgio Parodi è in Serie B1.

Nel conteggio delle formazioni promosse rientra quindi anche il sodalizio voltrese e in vista della stagione 2020/2021 la PSA Olympia sarà coinvolta nella nuova formula del campionato proposta dalla Fipav che prevede una Serie B con gironi al massimo da dodici squadre.

Nella annata 2018/2019 le leonesse hanno esordito in Serie B2 con un ottimo sesto posto finale; poi, al secondo tentativo, hanno conquistato la promozione in Serie B1.

Viene premiata dalla Fipav la cavalcata delle ragazze guidate da Matteo Zanoni praticamente sempre in vetta al girone A. Al momento dello stop forzato causa Covid-19 la PSA Olympia conduceva la classifica con 35 punti. Ma non è tutto: da menzionare in questa stagione c’è anche la storica partecipazione ai quarti di Coppa Italia grazie al titolo di campioni d’inverno.

Quindi, a dieci anni di distanza dall’ultima partecipazione al campionato di Serie B1 femminile con l’Aacv Ecologital Serteco, Genova torna nella terza serie nazionale con la società del patron Giorgio Parodi.

Questo storico traguardo è frutto del progetto vincente targato Olympia-Serteco portato avanti dallo stesso Parodi che commenta con grande soddisfazione il salto di categoria: “Quattro anni fa siamo partiti con un progetto importate sul settore femminile. Con il duro lavoro assieme allo staff tecnico siamo riusciti a centrare un obiettivo pressoché storico portando la B1 sotto la Lanterna. Genova e la Liguria nella prossima stagione entreranno a far parte dell’élite della pallavolo italiana giocando nella terza serie”.

leggi anche
PSA Olympia
Pallavolo
La PSA Olympia premiata dall’assessore Ilaria Cavo