Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“Fiumi di denaro per le imprese, ai lavoratori solo le briciole”: sabato protesta sotto la sede Inps

Luogo simbolico scelto per i forti ritardi nel pagamento degli ammortizzatori sociali, da cui molti tuttavia restano esclusi

Più informazioni su

Genova. “Dovete darci il denaro!” recita il manifesto che invita alla protesta sotto la sede dell’Inps di piazza della Vittoria i cui uffici sono – come si legge su un laconico cartello appeso alla porta ‘chiusi fino a data da destinarsi’. L’appuntamento è per sabato 6 giugno alle 15.30.

A convocare la manifestazione di protesta sono diverse sigle e associazioni che hanno scelto di firmarsi semplicemente “lavoratori e lavoratori unite”. “Quella di sabato – spiega Luca Daminelli, operatore sociale – vuole essere un’iniziativa ricompositiva rispetto alle tante iniziative che hanno portato le persone in piazza in queste settimane, tutte legate a specifiche vertenze. Abbiamo scelto gli uffici dell’Inps come luogo simbolico visto che uno dei problemi principali è proprio l’enorme ritardo nel pagamento degli ammortizzatori sociali”.

Ma non è l’unico problema: “Da un lato c’è un ritardo nel pagamento degli ammortizzatori, dall’altro la necessità per una volta che i soldi sembrano esserci dopo decenni di austerity che vengano utilizzati per chi non ha reddito perché se le grandi imprese appena battono cassa sono accontentate ai lavoratori o a chi il lavoro l’ha perso arrivano solo briciole”. Un esempio sono i cosiddetti buoni spesa: “A Genova il Comune ha dovuto chiedere contributi ai privati perché le risorse erano e sono assolutamente insufficienti – spiega Alessio Cazzola, lavoratore della ristorazione in cassa – così come al reddito di emergenza non solo non poteva accedere chi aveva già il reddito di cittadinanza, e parliamo proprio delle categorie che hanno maggiori difficoltà ma la durata di soli due mesi è assolutamente insufficiente rispetto alla necessità di milioni di persone di arrivare a fine mese”.

E il peggio deve ancora arrivare, visto che a metà agosto scadrà lo stop ai licenziamenti voluto dal Governo: “Sì ma anche in questa fase, nonostante lo stop ai licenziamenti ci sono molti lavoratori a termine a cui per la crisi i contratti non sono stati rinnovati – ricorda Martino Puppo, sindacalista – o appalti scaduti che non sono stati nuovamente affidati mentre nel frattempo questi lavoratori non hanno ricevuto nessun aiuto per gli affitti o le bollette e molti non riescono ad arrivare a fine mese”.

Tra le misure contestate “la scelta di sgravare dell’Irap tutte le aziende anche quelle che i profitti hanno continuato a farli – conclude Rosanna Aluigi, pensionata – mentre la crisi viene scaricata su lavoratori e pensionati”.