Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, chiude la nave ospedale di Genova: “Siamo pronti a riaprirla se servisse ancora”

Durante l'emergenza ha ospitato 191 pazienti per un totale di 2.900 giornate complessive di degenza

Genova. Chiude i battenti (o meglio, i portelloni) la nave ospedale Gnv ormeggiata nel porto di Genova che durante l’epidemia ha consentito ai pazienti Covid positivi clinicamente guariti di passare la convalescenza in un luogo protetto senza rischiare di contagiare altri e, contemporaneamente, di ricevere cure adeguate.

La nave, un traghetto trasformato in unità ospedaliera nel giro di pochi giorni sotto la supervisione e la gestione di Asl3 e della Protezione civile regionale, ha ospitato 191 pazienti per un totale di 2.900 giornate complessive di degenza. A bordo hanno operato 14 medici, 30 infermieri, 14 oss e 5 riservisti dell’Ordine di Malta. Oggi sono scesi gli ultimi tre pazienti e la nave, una volta svuotata dal materiale medico e sanificata, verrà restituita alla Gnv. “E’ stata un’esperienza emozionante e positiva – ha detto Luigi Carlo Bottaro – dal punto di vista professionale e umano”.

“Iniziativa unica in Italia, che ha avuto repliche nel mondo, fondamentale per vincere la battaglia contro il Covid: chiusura che ci riempie di soddisfazione, perché certifica che l’emergenza ha superato la sua fase più difficile. Speriamo di non dover più ricorrere a questo strumento, ma siamo pronti a farlo in caso di necessità se l’epidemia dovesse tornare a colpire con durezza”, ha detto l’assessore Giacomo Giampedrone

“Si tratta di una soluzione che ha consentito di curare quasi 200 pazienti isolandoli dal resto della città, liberando posti letto fondamentali negli ospedali sulla terraferma. La nave torna nella disponibilità dell’armatore, pronta a essere richiamata al compito svolto in questi mesi, nel caso in cui dovesse servire”, ha aggiunto l’assessore.