Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, a Casarza Ligure arriva un braccialetto salvavita per adolescenti e over 60

Nel dispositivo potranno potranno essere inserite, a discrezione dell’utente, informazioni sanitarie fondamentali

Genova. Il Comune di Casarza Ligure, nell’entroterra del Tigullio, ha deciso di dotare i ragazzi dagli 11 ai 18 anni e le persone over 60 di un bracciale salvavita contenente tutte le informazioni sanitarie che l’utente riterrà di dovervi inserire per la propria sicurezza in caso di infortunio, incidente, malore o perdita di coscienza. Il bracciale potrà contenere anche i dati riguardanti la situazione della persona relativamente al Covid-19.

“Si tratta di un importante strumento di sicurezza sanitaria e di protezione civile per coloro che lo indosseranno”, dichiara il sindaco Giovanni Stagnaro. “Abbiamo scelto un prodotto di altissima qualità e di prezzo assolutamente contenuto, chiamato ‘AIDme’, che consentirà un’immediata conoscenza della condizione medico-sanitaria della persona in caso di necessità o emergenza, permettendo così un intervento più consapevole da parte dei soccorritori e del personale medico. Tutto questo con la massima garanzia possibile per la privacy, in quanto i dati contenuti nel chip del bracciale potranno essere conosciuti solo e soltanto mettendovi a contatto uno smartphone, che leggerà le informazioni attraverso la funzione NFC, la stessa utilizzata per le carte di credito. Non sarà necessario scaricare alcuna applicazione e non vi sarà tracciamento”.

Nel bracciale, ipoallergenico e resistente all’acqua, potranno essere inserite, a discrezione dell’utente, informazioni sanitarie fondamentali quali il gruppo sanguigno, se si è donatori di organi, le vaccinazioni, il dato HRV, le allergie e le intolleranze, i contatti di emergenza, le patologie, la posologia farmaceutica e ogni dato ritenuto utile per la propria sicurezza.

Abbiamo deciso di coprire innanzitutto le età critiche”, spiega il sindaco Stagnaro. “Una volta perfezionato l’acquisto, per il quale utilizzeremo il fondo Covid messo a disposizione dal Governo, provvederemo alla consegna diretta a tutti gli studenti della scuola secondaria di primo grado presso l’istituto De Andrè, anche a quelli provenienti da altri Comuni, mentre per gli altri soggetti la distribuzione avverrà con modalità diverse, con ritiro presso gli uffici comunali. Ribadisco che non ci sono campi obbligatori da inserire nel bracciale, che il tutto è aggiornabile in maniera sicura, semplice e immediata e che la casa produttrice, la Audens, fornisce importanti enti, tra i quali la Croce Rossa Italiana e l’ACI, oltre a collaborare con la Protezione Civile”.