Quantcast
Vertice

Caos viabilità, Regione Liguria convoca d’urgenza i vertici di Autostrade

Questo pomeriggio vertice straordinario tra azienda concessionaria e l'ente

Code e disagi A10 chiusa

Genova. Sono stati convocati d'urgenza i vertici genovesi di Auostrade per l'Italia da Regione Liguria a seguito del caos scoppiato questa mattina a seguito della riapertura in ritardo della A10 che ha provocato decine di chilometri di coda.

La riunione si terrà questo pomeriggio alle 15 circa: a pesare è la decisione del presidente del consiglio regionale di annullare la seduta causa traffico visto che lui stesso e altri consiglieri provenienti da ponente sono rimasti intrappolati nelle code per ore.

Una delle principali "accuse" rilanciate anche sui social network è il mancato avviso di questo ritardo, anche se proprio nel piano straordinario di intervento sulle autostrade liguri, messo a punto da Aspi, Prefettura e Regione Liguria, è prevista la possibilità che ciò avvenga, dove la necessità di sicurezza superi l'esigenze del traffico.

"Ho convocato oggi d'urgenza i vertici di Autostrade in regione dopo le code generate dalla chiusura prolungata, e non comunicata, di una galleria, che ha generato caos su tutta la rete autostradale ligure - ha commentato Giovanni Toti- Così non va: una cosa è la messa in sicurezza seria, anche se colpevolmente rimandata, altro è imprigionare migliaia di cittadini e immobilizzare tutta la Liguria. È una situazione inaccettabile e noi non staremo a guardare mentre il governo tace e non decide su infrastrutture e concessioni. Abbiamo il diritto di ripartire anche noi".

"Ho il dovere di riportare la giusta indignazione degli albergatori liguri, che in queste ore stanno ricevendo lamentele dai clienti e rischiano di pagare per l'ennesima volta la disorganizzazione e l'irresponsabilità di un concessionario che non impara mai dai suoi errori - ha aggiunto l'assessore al turismo e ai trasporti Gianni Berrino - È inaccettabile che in tre mesi di chiusura dei confini regionali, e in mesi primaverili, Autostrade non abbia pianificato la maggior parte degli interventi di manutenzione che sapeva già di dover fare e li porti a esecuzione ora tutti insieme, con la stagione turistica che cerca di partire tra mille difficoltà".

Arriva anche la risposta di Autostrade per l'Italia: "Stamane abbiamo dovuto prolungare di alcune ore la riapertura dei fornici per consentire il completamento dei lavori necessari alla ripresa del traffico, a valle delle attività ispettive eseguite durante la notte. Siamo molto spiacenti per i disagi che si sono venuti a creare agli automobilisti. Questa tipologia di controlli si svolge in orario notturno ed è finalizzata ad analizzare in profondità lo stato delle opere e avviare contestualmente, se necessario, gli interventi di manutenzione. Quando è necessario, i tecnici, una volta individuati gli interventi necessari alla riapertura del fornice, procedono immediatamente alla loro realizzazione e questo può comportare un allungamento delle lavorazioni. E' proprio grazie a questo metodo di lavoro che è possibile riaprire le gallerie al traffico nel corso della stessa giornata".

"Come condiviso con il MIT e la Regione Liguria, stiamo mettendo in campo tutte le forze disponibili per concludere questa fase del piano di sorveglianza delle gallerie il prima possibile, già entro la fine di giugno. Abbiamo circa 800 uomini in campo e le nostre squadre di addetti alla viabilità lavorano senza sosta lungo le tratte a supporto degli utenti. La nostra priorità assoluta è la sicurezza della rete, e per questo chiediamo la comprensione degli utenti e della cittadinanza ligure. Ringrazio anche gli enti territoriali, le Prefetture e le forze dell'ordine per il grande supporto che ci stanno dando nella gestione della viabilità". Così, in una nota, il Direttore di Tronco di Genova di Autostrade per l'Italia.

leggi anche
  • Ammissione
    Chiusure prolungate e traffico nel caos? Autostrade avverte: “Potrà succedere ancora, ecco perché”
    Generica
  • Dopo il vertice
    Autostrade, Toti al Mit: “Situazione incompatibile con la vita quotidiana”. Ogni lunedì incontri con Aspi
    Generica