Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Avevano rapinato un giovane non vedente, dopo due mesi sono stati arrestati

I fatti erano avvenuti a Sampierdarena, i due malviventi hanno 21 e 19 anni. Fondamentale il racconto della vittima ai carabinieri e la presenza di telecamere nella zona

Più informazioni su

Genova. Questa mattina i carabinieri di Sampierdarena hanno arrestato due ragazzi di 19 e 21, genovesi, autori di una rapina ai danni di un altro giovane, 25enne, non vedente. Le ordinanze cautelari in carcere sono state disposte dal gip del Tribunale di Genova.

L’episodio da cui è scaturita l’attività investigativa risaliva alla notte tra il 24 e il 25 aprile 2020, quando il malcapitato, trovandosi in via San Bartolomeo del Fossato a Sampierdarena per rientrare a casa, era stato aggredito alle spalle da due soggetti, i quali, avendolo avvistato su un bus di linea (618) e successivamente seguito, gli avevano intimato di consegnare loro tutto ciò che era in suo possesso, Iphone, portafogli, soldi e documenti. Si erano poi allontanati scagliando lontano il suo bastone, prezioso ausilio per orientarsi.

Il ragazzo, la mattina successiva, aveva sporto denuncia fornendo alcune indicazioni riguardanti i due rapinatori, informazioni utilissime agli investigatori per orientare le attività e la successiva visione dei fotogrammi captati dalle telecamere della zona, fondamentali al fine di identificare compiutamente gli autori del gesto.

Gli stessi, avendo approfittato della situazione di disabilità del ragazzo, erano scappati sicuri di non essere riconosciuti dalla vittima. Ma le immagini captate da alcune telecamere di videosorveglianza della zona hanno permesso di distinguere nitidamente i due soggetti responsabili della rapina. Il gip ha disposto la misura cautelare in carcere tenendo conto della gravità del gesto, commesso peraltro in piena emergenza sanitaria.