Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Autostrade, Forza Italia e Lega chiamano il governo: “Decida sulla revoca e imponga sicurezza”

Più informazioni su

Genova. “Da quel tragico 14 agosto ormai sono passati quasi due anni, se il governo Conte non vuole ancora revocare le concessioni ad Autostrade per l’Italia, almeno imponga di fare bene e celermente i lavori, costi quel che costi. Inoltre, il Mit deve controllare che non si verifichino più i continui, forti disagi sull’intera rete autostradale ligure. Nel frattempo, autostrade gratis da Sarzana a Ventimiglia senza distinzioni”.

Lo hanno dichiarato oggi il presidente dell’Assemblea legislativa della Liguria e consigliere regionale Alessandro Piana e il capogruppo regionale Franco Senarega (Lega). “Nei giorni scorsi – hanno spiegato Piana e Senarega – è stato annunciato il piano di monitoraggio e interventi sulle gallerie della rete autostradale ligure di competenza, elaborato da Autostrade per l’Italia in condivisione con il ministero delle Infrastrutture e Trasporti.

Contro Autostrade anche Forza Italia. “Abbiamo pagato per anni pedaggi esorbitanti e ora ci ritroviamo in Liguria con le autostrade a una corsia per lunghi tratti perché i lavori di manutenzione non sono stati fatti per tempo. Una situazione denunciata già nel 2015 in Commissione Trasporti dal senatore Maurizio Rossi che si ripresenta dopo un lustro in tutta la sua gravità. Traendo spunto da allora, Forza Italia ha depositato una interrogazione in cui chiede urgentemente al ministro De Micheli di spiegare in aula il motivi di ritardi accumulati anche dopo il crollo di Ponte Morandi, cosa ha fatto e come opera il Mit che ha – oggi come allora – il dovere di controllare e verificare l’operato del concessionario. La Liguria è una regione isolata, manca la continuità territoriale anche per i collegamenti aerei e le ferrovie. Lo scalo di Genova sembra quasi evitato da Alitalia mentre Genova è l’unica città metropolitana del Nord tagliata fuori dall’alta velocità. Il ministro deve spiegarci i motivi di tanta inerzia nei confronti della Liguria”, lo hanno detto i deputati Roberto Cassinelli e Roberto Bagnasco di Forza Italia.