Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Viadotto Bisagno, il cantiere per la manutenzione cancella 60 posti auto foto

Pronta una eventuale soluzione, ma serve il via libera di Tursi

Genova. Il grande cantiere che nelle prossime settimane inizierà i lavori di manutenzione ed eventuale messa in sicurezza del Viadotto Bisagno, occuperà suolo pubblico, cancellando per diversi anni quasi 60 posti auto.

Un problema concreto per i residenti della zona, già sotto pressione per le note vicende legate alla convivenza con il gigante di calcestruzzo, e che rischiano di vedersi ridotte le possibilità di sosta nelle vicinanze delle proprie abitazioni: si tratta, infatti, di due grandi parcheggi, sotto le pile 4 e 5; spazi che ospitano, tra l’altro, un passaggio pedonale di accesso ad una creuza e il capolinea del bus integrativo che sale sulle alture retrostanti.

Una soluzione, però, ci sarebbe: secondo quanto proposto dal Municipio IV Media Val Bisagno, gli stalli potrebbe essere recuperati nella limitrofa area ex Iren, oggi passata ad Aster ma poco utilizzata. Un adeguamento che ha trovato d’accordo anche i tecnici di Autostrade per l’Italia, la quale si è detta disponibile a predisporre i parcheggi sostitutivi. Il municipio ha previsto anche il recupero del passaggio pedonale grazie ad un varco dedicato, mentre il capolinea del bus potrebbe essere spostato di qualche metro, ricollocandolo davanti al campo sportivo delle Gavette.

Ora la palla passa al Comune di Genova, che deve dare il via libera per l’utilizzo dell’area Iren: “Un passaggio che deve essere fatto il prima possibile – sottolinea Roberto D’Avolio, presidente del municipio – abbiamo bisogno di risposte in tempi brevi visto che l’inizio dei cantieri è imminente“.