Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Tommaso Negri è biancoceleste: “La Pro Recco è una realtà da ammirare”

Felugo: "Riportiamo a casa un portiere di sicuro affidamento e inseriamo nel gruppo un ragazzo positivo"

Recco. Tommaso Negri è il secondo colpo di mercato della Pro Recco. Il portiere, nato a Genova il 26 maggio 1986, arriva dal Posillipo, squadra in cui militava dal 2007.

Il ritorno in Liguria assomiglia molto alla chiusura di un cerchio: con la calottina biancoceleste, infatti, Negri ha fatto il suo esordio in Serie A1 a 16 anni nel marzo 2003, stagione che si concluse con la conquista della Coppa campioni alla Sciorba. Per lui, poi, quattro anni a Bogliasco prima di salpare per Napoli: in rossoverde ha vinto l’Euro Cup nel 2015.

La chiamata della Pro Recco in questo momento della carriera mi riempie di orgoglio, per tutti i giocatori è una realtà da guardare con ammirazione per l’impegno nella promozione della pallanuoto e per i risultati che raggiunge a livello sportivo. In questi anni il pensiero di ritornare c’è sempre stato – ammette – ma alla fine non si è mai creata l’occasione: io stavo bene a Napoli e la Pro Recco tra i pali aveva garanzie come Tempesti e altri portieri”. Selezionato nel Settebello che giocò i Mondiali del 2009, la Nazionale nell’anno olimpico è un sogno da coltivare con sano realismo: “Ipotesi remota, al momento parto molto indietro”, ammette.

A Recco troverà un altro super portiere come Bijac: “Un fuoriclasse, mi ha sempre impressionato per il suo rendimento. Io porterò esperienza e tanto entusiasmo“. Magari con la 13 in testa, il suo portafortuna: “È un numero a cui sono affezionato a livello personale, mi piacerebbe conservarlo anche alla Pro Recco”.

“Diamo il benvenuto a Tommaso – le parole del presidente Maurizio Felugo -. Siamo doppiamente felici perché riportiamo a casa un portiere di sicuro affidamento e inseriamo nel gruppo un ragazzo positivo, nato e cresciuto a Genova. Le prestazioni di questi anni meritavano la nostra attenzione: siamo sicuri che anche a Recco saprà dimostrare il suo valore“.