Quantcast
Chiarimento

Spiagge, Bucci: “Pagare per le libere? Non esiste”. Le tre vie per gestire il distanziamento

"Stiamo cercando delle soluzioni per far fare a tutti un'estate decente"

Spiaggia Libera Ombrelloni

Genova. “Far pagare per entrare nelle spiagge libere è un controsenso, non esiste”. Così il sindaco Marco Bucci sulle ipotesi tracciate in questi giorni di introdurre una modalità di accesso a pagamento anche sulle parti di litorale non occupate da stabilimenti balneari.

E’ di ieri l’annuncio dell’assessore regionale Scajola sulla possibilità di estendere al 70% lo spazio dedicato ad ombrelloni e lettini nelle spiagge libere attrezzate (dove si entra gratis, ma si pagano servizi di noleggio attrezzature varie), ma per il sindaco Bucci non è l’approccio da seguire: “Non ha senso fare proposte numeriche, non ha senso dire 60, 70 o 30%, si tratta di trovare soluzione per far fare a tutti un’estate decente, che è il nostro obiettivo”.

“Ci sono delle norme che dobbiamo far rispettare – ha spiegato il primo cittadino genovese, nel ruolo anche di presidente Anci – cioè quelle del distanziamento, e questo distanziamento o lo garantiscono i comuni o lo fanno concessionari, oppure lo fa qualcun altro chiedendo un rimborso. E’ chiaro che se il comune non ha le risorse magari non potrà garantirlo in tutte le spiagge”

leggi anche
Emergenza coronavirus a Genova: mascherine, strade deserte e negozi chiusi
Ripartenza
La Liguria vuole riaprire tutto il 18 maggio, trattativa Toti-Governo al rush finale
Generica
Distanziamento
Spiagge libere a Genova, Bucci: “Rettangoli segnati sulla sabbia, 10 metri quadrati per ogni famiglia”
incendio vesima arenzano sambuco
Non sarà facile
Spiagge libere verso la riapertura ma resta il rebus controlli: “Non possono essere sulle spalle di volontari”
Generica
Work in progress
Spiagge libere, il posto si prenoterà con una app. A Genova apertura rimandata a fine maggio