Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Porto di Genova, a luglio si raggiungerà la totale digitalizzazione dei flussi veicolari

Soluzioni implementate anche alla luce dell'emergenza Coronavirus

Più informazioni su

Genova. Al fine di superare il periodo di emergenza pandemica il sistema portuale del Mar Ligure Occidentale ha costituito un Tavolo per la “Digitalizzazione dei flussi veicolari ai varchi e ai terminal portuali” con i rappresentanti delle Associazioni di Autotrasporto, Assagenti, Spediporto, Confindustria sezione Terminal Operator. La riunione si è svolta il 25 maggio.

Da tempo, l’Autorità di sistema portuale e il cluster logistico portuale hanno individuato nella
digitalizzazione il principale strumento per garantire la fluidificazione e l’efficientamento
dell’accessibilità agli scali del sistema, sulla scorta anche delle diverse misure adottate dal
Governo e dal Parlamento a valle del crollo del Ponte Morandi e in linea con il percorso nazionale
di evoluzione del Port Community System/E-Port verso la Piattaforma Logistica Nazionale (PLN),
rendendo omogenea l’interfaccia telematica per tutti gli operatori, fluidificando e “tracciando” la
merce in ingresso e in uscita dal nodo genovese.

L’emergenza COVID-19 ha acuito l’urgenza di passare alla digitalizzazione dei processi documentali, per garantire la sicurezza dei lavoratori attraverso la progressiva eliminazione del contatto fisico quotidiano diretto tra gli tutti operatori nello svolgimento delle procedure presso i varchi e i terminal portuali.

Le principali innovazioni previste dalle Linee Guida riguardano: lo scambio della documentazione digitalizzata; l’introduzione di una nuova componente per il caricamento dei viaggi a beneficio delle aziende di autotrasporto che permette di preannunciare l’arrivo al terminal di un mezzo per la consegna o il ritiro di merci, e consente di ampliare gli eventi tracciati a sistema; la messa a disposizione da parte delle imprese dell’autotrasporto al personale conducente di una applicazione mobile.

Inizia ora una fase di sperimentazione delle predette innovazioni al fine di pervenire, grazie alla coesione e al contributo di ciascun soggetto del cluster, alla piena digitalizzazione del processo entro il prossimo mese di luglio.