Quantcast
Finalmente

Nuova ordinanza, via libera agli spostamenti nei comuni fuori Liguria per visitare parenti e congiunti

Le persone interessate dovranno portare con sé copia dell’autocertificazione

Genova. Da domani chi vive in Liguria nei Comuni confinanti potrà spostarsi nelle regioni limitrofe per far visita ai congiunti con rientro in giornata. E’ quanto già stabilito dall’ordinanza del presidente Toti emanata domenica scorsa a seguito dell’intesa raggiunta con il governo che diventa operativa da domani, dopo la comunicazione inviata oggi dal presidente di Regione Liguria ai presidenti di Piemonte, Cirio, Toscana, Rossi e Emilia Romagna Bonaccini.

La comunicazione è stata contestualmente inviata da Toti anche ai prefetti di Genova, Savona, Imperia, La Spezia, Parma, Piacenza, Massa Carrara, Alessandria e Cuneo. Le persone interessate dovranno portare con sé copia dell’autocertificazione che attesta la presenza del congiunto nel comune limitrofo a quello di residenza nella regione confinante.

“Abbiamo finalmente posto rimedio – dice Toti – ad un problema che ci era stato sollevato da più parti, in relazione agli spostamenti tra regioni, vietati fino ad oggi. Con la comunicazione inoltrata oggi ai presidenti di Regione coinvolti e contestualmente ai prefetti, non ci sarà più alcun problema”.

Più informazioni
leggi anche
  • Diritto
    Paolo e Marta e le migliaia di #congiuntifuoriregione: “Con autocertificazione, ma fateci riabbracciare i nostri cari”
  • Drammi personali
    Congiunti in Regioni diverse, la petizione: “Lasciateci riabbracciare i nostri cari”
  • Il caso
    Turismo, i dati su decessi e contagi congelano gli spostamenti fra regioni e il #ciaomilano diventa un caso politico
  • Intrico di norme
    Visite ai parenti fuori Regione in Comuni confinanti, l’avvocato Biolé rispedito indietro dai carabinieri