Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Mittal pronta a far ripartire la zincatura a Genova: tutti al lavoro due settimane al mese, resta lo sciopero fino a lunedì

Da martedì tutti i dipendenti farebbero due settimane di lavoro e due di cassa, ma i sindacati attendono proposta scritta

Più informazioni su

Genova. “Scioperare serve e il nostro sciopero articolato di questi giorni ha portato a un cambio di atteggiamento da parte dell’azienda che si è detta disposta a riaprire la linea di zincatura visto che i clienti si sarebbero lamentati per gli ordini non arrivati e le consegne in ritardo. Ora tuttavia, dopo le parole attendiamo la proposta scritta”. Il segretario genovese della Fiom Bruno Manganaro riassume così incontro che questa mattina i segretari di Fiom, Fim e Uilm insieme all’rsu hanno avuto con la direzione dello stabilimento di Genova.

Generica

“In pratica secondo la proposta fatta da Mittal tutti gli operativi della fabbrica potrebbero lavorare 2 settimane su quattro mentre per le restanti ci sarebbe la nuova procedura di cassa Covid” spiega ancora Manganaro che tuttavia precisa: “Ora vogliamo che dalle parole si passi ai fatti con una proposta scritta che dovremo discutere con i lavoratori”.

Per questo i sindacati hanno deciso di mantenere la mobilitazione fino a lunedì: “Lo sciopero prosegue almeno fino a lunedì quando ci sarà l’incontro in videoconferenza con azienda e governo”.

Anche stamattina i lavoratori di ArcelorMittal di Genova si sono ritrovati al varco dell’aeroporto per impedire l’uscita dei camion con i rotoli finiti e hanno proseguito con lo sciopero a singhiozzo dei vari reparti. La stessa modalità di protesta andrà avanti anche domani e fino a lunedì.

“L’incontro ha dimostrato che avevamo ragione noi – aggiunge Alessandro Vella, Fim Cisl – il lavoro c’è e l’apertura data oggi sulla ripartenza della zincatura è un segnale chiaro in questo senso. La mobilitazione è servita e continuerà aspettando di avere chiarimenti speriamo definitivi dal confronto nazionale che ci sarà lunedì a Roma. Nelle prossime ore auspichiamo che l’azienda dia seguito alle parole di questa mattina mettendo nero su bianco quanto ci hanno proposto”.